Default image

Fabio Busi

Dakota Days

Momenti magici e atmosfere ipnotiche per un progetto che entusiasmerà chi ama le atmosfere suadenti tipiche della psichedelia e della new-wave più pura. In bilico fra new wave, dream-pop e psichedelia ecco il progetto Dakota Days

Beck: OAR

Torna Beck con le sue rielaborazioni di album del passato e lo fa con un simbolo della psichedelia di fine anni '60. OAR di Skip Spence viene trattato col groove di Beck che questa volta si tuffa nel mondo lisergico dell'ex batterista dei Jefferson Airplane

The Radio Dept.: Clinging To A Scheme

Esce dopo un anno e mezzo di sosta ai box il terzo lavoro dei The Radio Dept. La band molto prolifica a metà del 2000 si presenta con questo Clinging To A Schede che ricorda tanti, troppi lavori di altri artisti indie-pop e che tranne qualche brano risulta alla lunga annoiare

Liars: Sisterworld

Tornano i Liars e si aprono ad atmosfere pop molto vicine all'indie ed al dream. Il tutto senza tralasciare quell'indole post-punk sperimentale che dall'inizio del nuovo millennio li fa apprezzare in tutto il mondo

Crookers: Tons Of Friends

Arriva dopo mesi di attesa il primo album dei Crookers, Tons Of Friends. Per appassionati di garage inglese e della nuova fidget house, portata alla ribalta proprio dal duo di dj milanesi, con una strizzata d'occhio alle playlist electro-indie

Oh No Ono: Eggs

Arriva ad inizio 2010 quello che sarà sicuramente fra le playlist dei migliori album dell’anno. Gli Oh No Ono col loro cocktail di psichedelica e art-pop ci fanno viaggiare in una dimensione onirica senza tempo