Isobel Campbell & Mark Lanegan: Hawk

Tornano Isobel Campbell & Mark Lanegan con il nuovo lavoro Hawk che evidenzia sempre più il feeling ormai consolidato fra i due artisti. Uno degli album più belli di questo 2010.

Isobel Campbell & Mark Lanegan

Hawk

(Cd, V2)

indie Folk, blues

________________

Isobel-Campbell-Mark-Lanegan- HawkTornano Isobel Campbell & Mark Lanegan, alla loro quarta collaborazione insieme dal 2005 quando uscirono con l’EP Ramblin’ Man.

Isobel Campbell, componente dei primi Belle And Sebastian fino al 1996, passò poi ai The Gentle Waves, prima di dedicarsi ai suoi 4 lavori (2 CD e 2 EP) solisti.

Mark Lanegan invece fu il leader degli Screaming Trees, prima di dedicarsi a progetti solisti e collaborazioni, le più note delle quali sono quella con i Queens Of The Stone Age, i Gutter Twins con Greg Dully, gli Afghan Whigs ed i Soulsavers.

Nel nuovo lavoro Hawk, contraddistinto come sempre da un cantato molto suadente, si alternano momenti di rara bellezza a momenti meno azzeccati, come nel brano di apertura We Die And See Beauty Reign che lascerebbe presagire un album noioso, che però noioso non lo è affatto.

Già con la successiva You Won’t Let Me Down Again le cose però cambiano. Atmosfere blues e sinergia perfetta fra Lanegan e la Campbell che incantano in uno dei brani più emozionanti dell’album.

Si prosegue sullo stesso filone con Snake Song (Cover del country-singer Townes Van Zandt) e con la bellissima Come Undone, quasi 6 minuti di magia pura che vorrei non finisse mai.

Si torna al folk con la seconda e ultima cover presente in quest’album (sempre di Townes Van Zandt). In No Place To Fall, Isobel Campbell duetta con Willy Mason, talentuoso songwriter newyorchese salito alla ribalta nel 2005 con il brano Oxygen.

A seguire Get Behind Me, blues tirato molto intrigante che lascia il passo alla melodica indie pop di Time Of The Season.

Con la strumentale Hawk, brano omonimo dell’album, si entra in un territorio di blues ruvido e sporco che apre il varco ad una Sunrise, magica e incantata, eseguita solo dalla Campbell, così come il brano seguente To Hell & Back Again.

Cool Water, passa lenta e inosservata, succeduta dalla bucolica Eyes Of Green.

Chiude il tutto la ballata Lately.

Questo Hawk è un album di ottima fattura ed evidenzia in diversi brani il feeling ormai consolidato che esiste fra Lanegan e la Campbell.

Uno degli album migliori di questo 2010.

Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
Default image
Fabio Busi
Articles: 372