Bob Malone: la recensione di Good People

Ottavo disco in studio per il tastierista del New Jersey Bob Malone, in Good People troviamo otto brani di matrice blues rock, e tre cover dei Creedence, Dylan e Feetwoood Mac.
Condivi sui social network:

Bob Malone

Good People

(Appaloosa Records)

blues, rock

_______________

 

recensione-good-people_cover-Bob MaloneBob Malone è un tastierista del New Jersey di origini blues che ha suonato per John Fogerty dei Creedence Clearwater Revival, Ringo Starr, i Neville Brothers, Avril Lavigne, Bob Seger, è entrato come colonna sonora de Il Grinch e ha collaborato con diversi artisti, ritrovando sul palco persino Bruce Springsteen.

La sua carriera musicale è partita agli inizi degli anni 90 quando si esibiva al San Diego Blues Club e ha vissuto di musica facendo tour e dischi in maniera indipendente. Dopo 7 album e due raccolte, ora Malone torna sulle scene con un nuovo disco, Good People, album che sebbene sia nato prima della pandemia, racconta “la perdita, la paura, l’alienazione e i momenti inaspettati di speranza che stavo attraversando anche prima del virus”.

Un artista con una discreta voce e soprattutto due mani sanguigne e versatili, i suoi concerti sono vibranti, divertenti, emozionanti, le canzoni hanno la classica struttura rock blues, con un pizzico di soul e jazz.

Buone le canzoni di Malone, generalmente in stile ballad da My Friends alla title track un po’ più corale, forse da parte sua manca in questo disco quel brio visto nelle sue esibizioni dal vivo, ma è comunque un disco che scivola via con grande piacere nell’anima.

Otto brani scritti da lui stesso (di cui uno strumentale, Prelude Blues) e tre brani che reinterpreta: uno dei Creedence (Bad Moon Rising), poi la cover di Oh Well dei Fleetwood Mac e infine quella di Bob Dylan, Tangled Up in Blue.

Il disco è prodotto da Bob Demarco che ha anche messo le mani su un paio di brani, hanno anche collaborato Shane Theriot (Hall & Oates, Neville Brothers), Troy Dexter (Wilson Phillips), Marty Rifkin (Bruce Springsteen), Tommy Williams (The Hooters), e il nostrano Stefano Sanguini, dato che Bob quando viene in Italia si fa accompagnare da eccezionali turnisti come lui.

Sitoweb: bobmalone.com

Gli ultimi articoli di Luca Paisiello

Condivi sui social network:
Default image
Luca Paisiello
Articles: 429
Available for Amazon Prime