A Place to Bury Strangers: Worship

Gli A Place to Bury Strangers sono in grado di catapultare l'ascoltare direttamente negli inferi, in antri bui in cui il pericolo, l'assalto al rumore bianco, è in agguato dietro ogni angolo

A Place to Bury Strangers

Worship

(Cd, Dead Oceans)

wave, shoegaze, noise

_______________

A Place to Bury Strangers- WorshipIn ritardo di un anno rispetto a quanto ci avevano raccontato dopo il loro ultimo concerto a Roma, tornano gli A Place to Bury Strangers con Worship.

Alla terza prova sulla lunga distanza, la band di Oliver Ackermann aggiusta il tiro, senza stravolgere il suo stile, e concentra l’attenzione più sulle sue influenze wave che su quelle noise. E quindi Jesus & Mary Chain e Joy Division, più che My Bloody Valentine. Sia ben chiaro, in questo Worship di rumore ce n’è (vivaddio!) e pure parecchio, ma gli A Place to Bury Strangers sembrano più concentrati sulla definizione di tracce melodiche, più che su gli assalti sonici che gli hanno reso la nomea di band più rumorosa di New York.

Con loro si incorre sempre nello stesso dilemma, ovvero su come valutare una band e un disco che è di stretta osservanza derivativa, più che di materiali e/o di un sound originale. Ma la band si ritaglia comunque il modo di dimostrare quel che vale al di là del contesto (storico e sonoro) e cui si riferisce. Dopo un inizio entusiasmante ma tutto sommato convenzionale, affilano le almi con Worship, la title track, Fear e – soprattutto – Dissolved, tre brani che riservano sorprese, raffinatezze e virtuosismi che pongono gli A Place to Bury Strangers una spanna sopra le tante band che stanno cavalcando questo (infinito) revival anni ’80.

Sia come sia, poco importa. Gli A Place to Bury Strangers sono in grado di catapultare l’ascoltare direttamente in inferi metropolitani, in antri bui in cui il pericolo, l’assalto al rumore bianco, è in agguato dietro ogni angolo.

E a noi piace così. E pure molto.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Default image
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articles: 647