Paolo Baltaro: Low Fare Flight to the Earth

Condivi sui social network:

Paolo Baltaro

Low Fare Flight to the Earth

(LP + Cd, Musea)

rock, pop, prog, psych

_________________

paolobaltaroPaolo Baltaro è una cara vecchia conoscenza del progressiva tricolore. Attivo per due decadi con gli Arcansiel, prestatosi a svariete produzioni e/o progetti di differenti matrici (dalla psichedelica a Rettore), Baltaro arriva ora alla sua prima prova solista.

Tre anni di lavoro, di cui uno speso per la composizione e due per la registrazione; Baltaro in questo disco ha suonato praticamente da solo tutto, facendosi aiutare di tanto in tanto da alcuni musicisti piemontesi come lui e soprattutto amici di vecchia data.

Il risultato è più che gradevole, anche se …

Low Fare Flight to the Earth (che è distribuito in una confezione che comprende Cd e Lp) è un atto d’amore verso il pop, il rock e la psichedelica anglosassoni degli ultimi quarant’anni, con particolare attenzione alle ballate dei Pink Floyd (Good Care, I’M Checking Out, la titletrack), ma anche alla lezione dei Cast, oltre che agli immarcescibili Beatles.

Cantato e suonato con passione autentica, oltre che con perizia, Low Fare Flight to the Earth sconta un po’ troppo l’amore filiale che lega Baltaro ai suoi padri spirituali. Belli gli arrangiamenti, tutte godibili le canzoni, spesso di alto livello gli arrangiamenti, questo disco non riesce mai a stupire né tantomero a sorprendere.

Consigliato a chi preferisce il piacere delle certezze e la solidità del classico che non passa mai di moda al brivido dell’imprevisto.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, , ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.