Slowdive: recensione del concerto di Roma, 2 luglio 2024, Cavea dell’Auditorium

Il suono degli Slowdive è senza tempo, capace di emozionare e trasportare gli ascoltatori in mondi sonori paralleli e il concerto di Roma s'è rivelato come un'esperienza da non perdere.

Slow Dive

2 luglio 2024

Roma, Cavea dell’Auditorium

live report

______________

Click sulla foto per ingrandire

Un po’ ho invidiato i giovanissimi in platea, un po’ ho invidiato l’amico che era con me. Per loro la magia che riescono a mettere in scena gli Slowdive è stata una – piacevolissima – sorpresa, di cui ero invece già a conoscenza, avendoli visti dal vivo già altre due volte.

Ieri sera gli Slowdive hanno dimostrato ancora una volta perché sono considerati i pilastri dello shoegaze. Il loro concerto, parte della seconda gamba del tour 2023/2024, è stato un’esperienza quasi trascendentale che ha trasportato il pubblico in un universo sonoro fatto di riverberi, melodie sognanti e atmosfere avvolgenti.

Un pubblico molto variegato ha accolto la prima volta in assoluto degli Slowdive a Roma: in platea si sentono lingue straniere (inglese, tedesco, …) e molti dialetti (Pescara, Napoli, anche Calabria); si vedono facce giovani, meno giovani e diversamente giovani, alcuni anche giovanissimi (come saranno arrivati a conoscere la band di Reading? Mistero).

L’incantesimo inizia con Shanty, dal bellissimo ultimo album Everything Is Alive, immergendo immediatamente la folla in un’onda sonora ipnotica. La voce eterea di Rachel Goswell si fonde perfettamente con le chitarre stratificate di Neil Halstead e Christian Savill, creando quel wall of sound caratteristico dello shoegaze.

La scaletta ha sapientemente alternato classici come Alison e When the Sun Hits a brani più recenti, dimostrando come gli Slowdive siano riusciti a evolversi mantenendo intatta la loro essenza. Anzi, facendoci rendere conto che agli albori della carriera erano probabilmente troppo avanti.

La progressione melodica di Sugar for the Pill è stata particolarmente emozionante: ha tenuto il pubblico in uno stato di trance. Di che pillola tratta la canzone? Ci pensa la proiezione a chiarirlo, si tratta della SD 1-989 [se ve la devo spiegare… cambio mestiere ;-) oppure non siete fan particolarmente attenti].

Click sulla foto per ingrandire

Souvlaki Space Station, illuminata da centinaia e centinaia di smartphone che ne cercano di catturare gli imperscrutabili segreti, è accompagnata da proiezioni che hanno trasformato il palco in un vero e proprio portale cosmico, perfettamente in sintonia con l’atmosfera del brano.

La cover di Golden Hair di Syd Barret, fissa in scaletta, stasera rinuncia al finale a-la Mogwai, mentre Kisses conferma anche dal vivo che gli Slowdive, se vogliono, possono fare anche una canzone pop perfetta.

Nonostante gli anni trascorsi, la band ha dimostrato una padronanza tecnica impeccabile. Simon Scott alla batteria e Nick Chaplin al basso hanno fornito una solida base ritmica su cui le chitarre e le voci hanno potuto librarsi liberamente.

Complice di una serata che lascia tutti in stato di grazia, è stato l’impianto della Cavea, che ha suonato (finalmente!) in maniera praticamente perfetta e ai giusti volumi, con la voce di Rachel un filo arretrata (ma credo sia stata una scelta).

In un’epoca in cui molte reunion sembrano guidate più dalla nostalgia e dal vil denaro che dalla creatività, gli Slowdive continuano a dimostrare la loro rilevanza artistica. Questo concerto non è stato solo un tuffo nel passato, ma la conferma che il suono degli Slowdive è senza tempo, capace di emozionare e trasportare gli ascoltatori in mondi sonori paralleli, rivelandosi come un’esperienza da non perdere, un viaggio sensoriale che ricorda perché ci siamo innamorati di questo genere.

Guarda un piccolo estratto del concerto

Qualcuno ha esagerato è ha messo online tutto il concerto

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 777