New Order: Lost Sirens

Forti del successo del tour estivo, che ha visto tornare sui palchi i New Order in gran spolvero, seppure senza l'ormai transfuga Peter Hook, i sopravvisuti ai Joy Division pubblicano questo Lost Sirens

New Order

Lost Sirens

(Cd, Rhino Records)

electro-pop, pop, wave

_______________

new-order-lost-sirensForti del successo del tour estivo, che ha visto tornare sui palchi i New Order in gran spolvero, seppure senza l’ormai transfuga Peter Hook, i sopravvissuti ai Joy Division pubblicano questo Lost Sirens.

Si tratta di registrazioni effettuate nel 2005, ai tempi di Waiting For The Sirens Call, quindi quando la band era ancora al completo e con in squadra Bernard Sumner, Peter Hook, Stephen Morris e Philip Cunningham.

Otto canzoni con poche concessioni alla dance, molto chitarre, un (bel) po’ di elettronica: fra outtakes e rarità è comunque tutto quello che rimane dei New Order caratterizzati dal suono del basso di Hook, anche se la scorsa estate i “nostri” hanno ampiamente dimostrato di fare bene anche senza di lui, che da buon inglese non ha perso occasione per sputare veleno sui suoi ex compagni di cordata.

Piacevolissimo dall’inizio alla fine, senza mai essere indimenticabile, non sappiamo se questo Lost Sirens è un testamento dei New Order o solo l’ultima testimonianza dei bei tempi che furono e che – pare proprio – non torneranno più. Nel frattempo e in attesa di sapere se Sumner e soci torneranno in attività con del nuovo materiale, prima o poi, Lost Sirens è comunque un bell’accontentarsi.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Default image
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articles: 647