Mogwai: Les Revenants

Per un serial Tv di morti che tornano in vita gettando interrogativi a familiari e amici, i Mogwai confezionano una colonna sonora avvolgente adatta per la miniserie TV francese Les Revenants.

Mogwai

Les Revenants

(Cd, Rock Action, 2013)

post-rock

_______________

Mi nutro settimanalmente di serie televisive, da quelle spassose come Big Bang Theory e Californication, alle più trucide e sanguinolenti come Sons of Anarchy e Spartacus, dalla fantascienza di Fringe all’horror di American Horror Asylum. La francese Les Revenants, adattamento di un film del 2004, di cui il nostro Vincenzo Riggio ci ha anticipato segnalando l’uscita dell’Ep ad opera dei Mogwai, è una miniserie drama di otto episodi che da novembre 2012 viene trasmessa da Canal+.

Il full lenght è composto da 14 brani strumentali, salvo il penultimo, What Are They Doing In Heaven Today? cantato sorprendetemente da Stuart Braithwaite, una ballata che sa di country. Una parentesi, senz’altro.

Le sonorità dell’album sono dettate da malinconiche atmosfere su cui ha lavorato la band sperimentale scozzese per questa serie televisiva, che racconta il ritorno di alcuni ragazzi alla propria esistenza dopo essere deceduti in diversi contesti e che ora sono smarriti su quanto è successo.

La forza di questa musica avvolgente è l’ideale per una serie drammatica dove i personaggi cercano delle risposte alle loro domande. Sullo schermo le scene raccontate da Fabrice Gobert sono intensamente sorrette dai brani dei Mogwai in 50 minuti di ottima musica intima, secca, minimalista. Quasi tutti i brani riportano un mood costante imperscrutabile e mesto, Fridge Magic ha un’aria sognante, in Portugal un leggero brivido noise, controtempi in Eagle Tax, un suono massicciamente più elettronico in Modern.

Il piano la fa da padrone, poca chitarra, Wizard Motor, già sentita nell’Ep, conclude questa colonna sonora ed è il brano più aggressivo del disco. A me è piaciuta particolarmente Special N, trovandola coinvolgente e decisamente più liberatoria e commovente dell’intero disco, quasi da lieto fine.

Non so se Les Revenants si ritaglierà un posto nel panorama del serial televisivo, considerando il mio scetticismo riguardo il cinema francese in genere, ma senz’altro mai scelta fu più azzeccata quella di chiamare i Mogwai per creare l’atmosfera adatta a questa serie TV.

Gli ultimi articoli di Luca Paisiello

Condivi sui social network:
Default image
Luca Paisiello
Articles: 448