Mad Chickens: Kill, Hermit!

Rock, noise e grunge, mescolati insieme, filtrati attraverso qualche arrangiamento progressive. Sono i Mad Chicken, da Avezzano

Mad Chickens

Kill, Hermit!

(Cd, Ladymusicrecords/Crashsoud)

rock

_______________

Mad Chickens- Kill, Hermit!Vengono da Avezzano e dal 2004 a oggi hanno parecchio rimaneggiato la loro formazione, fino ad arrivare a oggi col primo album fuori e un’intensa attività live alle spalle. Sono i Mad Chickens e abbiamo per le mani il loro Kill, Hermit!

Kill, Hermit! si presenta bello “massiccio” con la sua ora e passa di durata, oltre che per il sound, che spesso abbraccia il noise. Le coordinate dei Mad Chickens sono presto fatte: Verdena e Marlene Kuntz degli esordi, Sonic Youth e grunge a piene mani.

Ecco quindi spiegata l’irruenza rock e l’amore per il noise. Quello che però queste parole non spiegano è che il disco non è niente male, seppure non fa mai sobbalzare dalla sedia.

I “polletti pazzi” non s’accontentano, infatti, di scimmiottare le band di riferimento, ma cercano una loro strada, che seppure non passa attraverso un sound particolarmente originale, almeno s’esprime attraverso una originalità compositiva che passa anche attraverso il “prendere in prestito” alcune soluzioni dal rock progressivo (Horses Enchantress su tutte), mescolandole in contesti abbastanza diversi.

La cantante, Valeria Guagnozzi, riesce molto bene quando rende la sua voce malandrina, un po’ meno quando cerca soluzioni più raffinate. Basso, batteria, chitarra e tastiere da parte loro fanno un buon lavoro, purtroppo penalizzato da una qualità della registrazione troppo spesso non all’altezza.

Mai troppo veloci, mai troppo incazzati, sicuramente macchina da live, i Mad Chicken saranno sicuramente in grado di soddisfare i fan del genere, senza far gridare al miracolo, però!


Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Default image
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articles: 647