Piers Faccini: Two Grains Of Sand

Prefazione: L’estro e la maturità di Piers Faccini al servizio di un album bello e intrigante, in grado di avvolgere l’ascoltatore dopo il primo ascolto. Davvero ben riuscita questa terza fatica discografica

Piers Faccini

Two Grains Of Sand

(Cd, Ponderosa/Edel)

pop, folk

_______________
facciniDalla Ponderosa Art arriva il terzo album di Piers Faccini, Two Grains Of Sand, interessante opera per questo artista, figlio di padre inglese, ma di origini italiane e di madre per metà polacca, per metà olandese.

Un meltin’ pot capace di influenzare anche l’opera artistica del cantautore, contaminato dal folk di estrazione anglosassone oltre che dal blues, dal rock e dal pop. In alcuni momenti sembrano riaffiorare richiami a Elvis Costello, a David Gray e addirittura a Van Morrison, senza tuttavia che lo stesso Faccini perda la sua personale inclinazione per la musica e il gusto per un songwriting fresco e decisamente scorrevole.

A rafforzare tale giudizio va menzionata la voce particolare dello stesso, tanto delicata e sognante quanto incisiva. La prova più obiettiva di quanto asserito sin qui sono ovviamente le canzoni, la title track in testa, Two Grains Of Sand, ma anche altre perle, Strangers su tutte.

In generale risulta comunque riduttivo parlare di Two Grains Of Sand indicando soltanto alcuni episodi, il disco si lascia ascoltare interamente senza rotture, senza sbalzi, anche negli episodi che il produttore Renaud Letang, di comune accordo con lo stesso Faccini, ha deciso di mantenere nella forma più pura e primordiale.

Molto bravo ed efficace, assolutamente da aggiungere alla propria collezione.

Myspace: www.myspace.com/piersfaccini


Gli ultimi articoli di Carlo Raviola

Condivi sui social network:
Immagine predefinita
Carlo Raviola
Articoli: 12