Nosound: Lighdark

Condivi sui social network:

Nosound

Lightdark

(2Cd enhanced, Kscope/Audioglobe, 2008)

ambient pop, post progressive

_______________

Nosound è il progetto musicale di Giancarlo Erra, che probabilmente è cresciuto a pane e No-Man, aggiungendo come condimento dosi variabili di Porcupine Tree, Davis Sylvian, Pink Floyd, Archive e Robert Fripp.

Detta così è però assolutamente fuorviante, dato che Lightdark è un album davvero notevole e brillante di luce propria, seppure ancorato ai generi già esplorati dalle sue band di riferimento. Le composizioni sono tutte assai fluide, cariche d’atmosfere ora liquide e ora gassose, ma sempre capaci di forti suggestioni e con i piedi ben piantati nella Melodia.

Chiaroscuro: è la parola che dà il titolo all’album ed è anche la chiave di lettura di un disco in cui la malinconia lascia ben presto spazio alla metafisica, in cui le tastiere di matrice ambient da protagoniste si spostano volentieri a comprimarie, per lasciarte spazio a cavalcate psych-prog. E in cui le linee vocali sono curatissime, con Tim Bowness dei No-Man ospite d’eccezione nella magnifica Someone Starts To Fade Away.

From Silence to Noise, con i suoi quindici minuti di lunghezza, è una specie di manifesto programmatico in cui c’è un po’ tutto l’universo musicale dei Nosound, il cui spettro riesce a unire in un unico flusso sonoro ambient e psichedelia, dream pop e progressive; indubbiamente a Erra, partito come one-man-band, aprirsi a una formazione a cinque ha fatto più che bene, rivivendo un po’ quello che è stato il percorso di Steve Wilson, i cui Porcupine Tree di The Sky Moves Sideways ritroviamo in più di qualche momento in questo Lightdark, disco che – non ci stancheremo mai di ripeterlo – ha comunque una sua – fortissima – personalità, in grado di accendere il cuore di un ampio spettro di ascoltatori/pubblico.

Progetto di chiara vocazione (e caratura) internazionale, Lightdark era uscito nel 2007 ed è ora ristampato con un secondo Cd contenente un Ep già pubblicato in passato (e passato un po’ in sordina), un brano altrimenti inedito e un videoclip. Un elegantissimo artwork contribuisce a rendere questo un Cd come un “must” da avere assolutamente per concludere un 2008 avaro di grandi emozioni, quelle che invece questo disco è in grado di dispensare dall’inizio alla fine.



Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.