New Young Pony Club: The Optimist

Condivi sui social network:

New Young Pony Club

The Optimist

(Cd, The Numbers)

indie rock, electro pop, nu-rave, post-punk

______________

Chi si ricorda più della scena nu-rave? Quattro anni fa sembrava che band come i Klaxon dovessero rivoluzionare non solo le piste da ballo, ma addirittura la musica tutta.

Passata quella sbornia, di quel movimento rimane ben poco. E anche i New Young Pony Club, che in quel filone erano stati inseriti di peso, fanno i conti con se stessi.

Il loro secondo lavoro, The Optimist, ammorbidisce parecchio l’impatto delle tastiere anni ’80 che caratterizzava il loro esordio, così come tende ad abbassare la battuta.

Tahita Bulmer continua a giocare col glamour e la sua voce continua ad essere seducente, ma non basta a fare di The Optimist un album che lascerà il segno.

L’ascolto è piacevole, ma non graffia mai. Il suono delle tastiere continua a strizzare l’occhio alla DX7, la title track ha un basso ossessivo quanto basta per far felici tutti i nostalgici del post-punk, ma alla fine dell’album rimane ben poco in testa se non un vago sapore retrò, condito da qualche vago rimando shoegaze che pur va di moda ultimamente.

Un brutto album? Sicuramente no. Inutile? Assolutamente sì.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, , ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

1 thought on “New Young Pony Club: The Optimist

  1. Che commento acidognolo… ma che ti hanno fatto?!

    A me piace davvero tanto! Molto superiore al loro lavoro precedente, sorprendentemente evocativo e insieme dark ed etereo. Ce ne fosse di roba del genere.

    Poi mi pare abbastanza evidente che non rivoluzionera’ il mondo della musica, ma chissenefrega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.