Video intervista a Immanuel Casto

Il più irriverente artista electropop italiano è un personaggio a tutto tondo, autore di un progetto di comunicazione forte e provocante. La nostra video intervista e la cronaca del concerto di Roma

Guarda la video intervista

 

Chi pensa che Immanuel Casto si riferisca solo a un pubblico gay si sbaglia di grosso.

E chi pensa che sia un semplice goliardo … pure.

Il suo universo musicale è in primo luogo una spallata a certe convenzioni sociali e ai ben pensanti. Con le sue canzoni, dai titoli tanto espliciti quanto dai testi mai banali (Io La Do, 50 Bocca 100 Amore, Anal Beat, ecc. [e che Google me la mandi buona e non banni RockShock per sempre]), s’è conquistato un pubblico trasversale e in cui la componente eterosessuale è prevalente, almeno a quanto s’è visto lo scorso 9 aprile al Blackout di Roma.
Là dove nemmeno le serate gay più blasonate della capitale hanno osato, sono arrivati i lungimiranti gestori dello storico locale rock e wave. E i fatti gli hanno dato ragione.

600 persone assiepate per Immanuel Casto, tutti fianco a fianco a prescindere dai gusti sessuali, a cantare in coro Bondage o Il Tempo degli Abusi, per una serata di divertimento, electrodance e spunti di riflessione. Casto ci mette del suo e apre Che Bella La Cappella, in una inedita versione, con a tutto schermo le immagini di Ratzinger, ma ogni sua canzone sembra dire <<è solo sesso, è tutto qui, perché prenderlo così sul serio?>>.

Nei settantacinque minuti di spettacolo Immanuel però ne ha per tutti, anche per le tante ragazze attirate dal sogno di una vita facile e lussuosa in Costa Smeralda: Escort 25, presentata come bis con l’anteprima del videoclip, ha dei passaggi che non lasciano via di scampo: <<perché devo imparare il congiuntivo se posso aprire il culo>> [tanto ormai Google o ci metterà in testa alle sue pagine o ci cancellerà dai suoi indici]. La canzone, che sta per uscire in formato digitale, è una bomba dance e il videoclip, come spesso accade quando si parla di Casto, è un gioiellino.

Mentre dalla pila di computer e campionatori escono beat che costringono tutti a ballare, citando anche gli Imagination, Casto si cambia d’abito in continuazione e lo stesso fa fare alle sue ballerine, impegnate in mosse ammicanti e coreografie sexy.

Invita tutti ad andare al banchetto del merchandising, dove le sue ballerine aspetteranno i fans, e minaccia: <<se non andate mi costringete a raggiungerle>>. E così fa. Il delirio che si crea è quanto di più esemplificativo per comprendere un fenomeno nato e cresciuto quasi esclusivamente tra le pagine del web: tutti assiepati per strappare una foto o un autografo, e Immanuel non si nega a nessuno, rimanendo più di un’ora a disposizione del suo pubblico, con un senso di rispetto da cui in tanti dovrebbero imparare.

Non di solo sesso vive Immanuel Casto.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Default image
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articles: 645