The Unwinding Hour

Condivi sui social network:

The Unwinding Hours

The Unwinding Hours

(CD, Chemikal Undergound Records)

rock, indie


_______________

The Unwinding Hours sono il nuovo progetto musicale di due ex membri dei Aerogramme, Craig B. e Iain Cook.

A soli tre anni dallo scioglimento del vecchio gruppo, i due ragazzi di Glasgow si sono ritrovati e hanno deciso di riallacciarsi alla strada che precedentemente li aveva fatti conoscere al pubblico e alla critica.

I loro vecchi lavori parlavano di sentimenti contrastanti tra loro come rabbia, amore, tensione e dolcezza stilisticamente rock e a tratti prog arrivando dritti al cuore; ora, proseguono il loro naturale sviluppo mantenendo ben solide le radici da cui sono nati e partiti.

L’omonimo nonchè debut album dei due, si apre nel migliore dei modi grazie alla luccicante Knut, brano che cresce durante l’ascolto partendo da accordi e note nostalgiche, concludendosi con un rabbioso distorsore quasi noise facendoci riaffiorare alla memoria lo stile inconfondibile dei Sigur Ros.

Si continua con Tightrope, ballata che potrebbe essere lanciata come primo singolo e che prepara l’ascoltatore a riaddentrarsi al mondo Aerogramme dei brani successivi.

Si, perchè Little One e Solstice sembrano far parte di un vecchio disco dell’ ex band dei due musicisti, grazie alla delicatezza della melodia delle chitarre e ai testi intensi.

La seconda parte del disco dimentica la rabbia e prosegue nella quiete non lasciando più spazio a grandi distorsori chiudendo con il sussurro di The final hour, brano che solo nella seconda parte cambia marcia quasi ad indicare la voglia di combattere della nuova band contro un mondo della musica che in passato ha già dimostrato quanto può essere cattivo.

Craig  e Iain proseguono determinati nella loro carriera e grazie a questo disco fanno sicuramente un altro passo avanti facendo capire ai discografici che The Unwinding Hours non è altro che l’evoluzione degli Aerogramme.

Pervaso di emozioni.

Gli ultimi articoli di Stefano Pastorelli

Condivi sui social network:
, ,

About Stefano Pastorelli

View all posts by Stefano Pastorelli →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.