The Sunset: la recensione di Still life

I The Sunset escono con un nuovo EP dalle sonorità più mature e avvolgenti, sospese tra pop, rock e blues.
Condivi sui social network:

The Sunset

Still life

pop, rock, blues

________________________

Still Life recensioneRinascita è uno di quei termini sulla bocca di tutti in questi mesi infiniti di pandemia, ma qualcuno questo concetto lo aveva già elaborato prima del Covid. Sono i The Sunset, gruppo brianzolo che nel suo nuovo EP, Still life, traduce in parole quattro anni fatti di riflessioni sul proprio vissuto fisico ed emotivo.

Per ripartire da esperienze dirette, provando a sintetizzare ciò che questo concetto ormai un filino abusato significa davvero.

Still life è anche il frutto di mille influenze che creano un ‘sound non sound’, evitando così di trovarsi ingabbiati in un unico genere.

Partiti con i primi lavori con pezzi complessi e psichedelici figli dell’hard rock anni ’70, in questo EP c’è un ampio sapore d’oltreoceano, che spazia dal rock anni ’90 a un pop più contemporaneo e easy listening, addolcito da tocchi blues.

Dopo lo stop alle registrazioni causa Covid, i The Sunset sono pronti a portare on stage questa nuova produzione, lasciando al pubblico la possibilità di sceglie un approccio più ottimista o pessimista alla loro musica. Grazie a un titolo volutamente ambiguo, che gioca sulla dualità dei termini: natura morta o ancora vita?

 

Pagina Facebook

Gli ultimi articoli di Simona Fusetta

Condivi sui social network:
Default image
Simona Fusetta
Articles: 298
Available for Amazon Prime