The Album Leaf: A Chorus of Storytellers

Condivi sui social network:

The Album Leaf

A Chorus of Storytellers

(Cd, SubPop)

ambient, electronica, art-pop, post-rock

________________

Ogni uscita degli The Album Leaf è un piccolo evento per gli appassionati di divagazioni ambientali su strutture pop e post-rock. Stavolta Jimmy LaValle non ha lavorato da solo, come al solito, bensì ha coinvolto tutta la sua backing band nel processo creativo, muovendosi dalla sua San Diego per registrare a Seattle e mixando il disco a Reykyavik con Birgir Jon Birgisson (Sigur Ros). E si sente!

Il trip di A Chorus of Storytellers si apre con Perro, un segnale inequivocabile di cosa ci aspetta in quest’album: glitch, chitarre arpeggiate, un cantato che spesso rimanda a quello dei Black Heart Procession (di cui LaValle è un fido collaboratore, oltre che ex membro dei notevoli Tristeza) senza averne la disperazione, ma può anche ricordare i Death Cab for Cutie. Viole, violini, trame ritmiche ora elettroniche e ora acustiche, (poche) liriche vibranti, pianoforte, elettronica misurata: tutto concorre a produrre questo gioiello.

Separando nettamente le atmosfere delle canzoni strumentali (la maggioranza) da quelle cantate, A Chorus of Storytellers è un disco omogeneo e avvolgente, in grado di proiettare l’ascoltatore in un universo fatto di serenità e della beatitudine che solo la contemplazione sa produrre.

Black Pages, seconda in scaletta, è il pezzo più imparentato con i Sigur Ros, ma paragonare gli Album Leaf alla band islandese sarebbe profondamente ingiusto. Il loro rapporto di parentela potrebbe ridursi a quello di cugini di secondo grado, seppure gli Album Leaf troveranno plausi tra i fans di Jonsi e soci, così come tra quelli dei Postal Service.

L’ambient di LaValle non è mai puramente estetica, semmai puramente cerebrale. Viene richiesto all’ascoltatore uno sforzo mentale per carpirne la bellezza e i contenuti.

Senza ricorrere a facili espedienti, ma allo stesso tempo assicurando una certa facilità d’ascolto, A Chorus of Storytellers si pone come la perfetta colonna sonora per la maggior parte degli stati d’animo. Senza troppe parole di mezzo.

main

Ascolta Falling From the Sun

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, , ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.