Swanz The Lonely Cat: recensione di Macbeth

Dalla tragedia shakespeariana a un viaggio sonoro alla vigilia dell'apocalisse è un attimo, come ci conferma Swanz The Lonely Cat nel suo Macbeth.

Swanz The Lonely Cat

Macbeth

(Toten Schwan, EEEE)

drone music, elettronica, experimental

_______________

Macbeth di Swanz The Lonely Cat è un’opera audace e inusuale che si distingue per la sua originalità e l’unicità della sua impostazione.

Siamo alle prese con un album cerebrale e ipnotico, dalle tinte oscure e apocalittiche, una trasposizione musicale della tragedia shakespeariana Macbeth in chiave drone music, sperimentale, con ombre indie folk e con infezioni di blues primordiale.

Luca Swanz Andriolo, già noto come frontman e anima dei Dead Cat In A Bag, si cimenta con la tragedia shakespeariana mischiando completamente le carte rispetto alla sua precedente cifra stilistica.

Questa seconda prova in solitario è talmente personale che Swanz scrive, arrangia, suona, produce, registra e mixa senza altri interventi, con una maniacale ricerca di suoni, prodotti in studio e/o campionati con chissà quali marchingegni.

Il disco si compone di due lunghe suite, rispettivamente di 28 e 25 minuti circa. La prima, A Walking Shadow, suddivisa in dodici frammenti che si dipanano senza soluzione di continuità, richiama nel titolo una delle più celebri frasi del Macbeth.

L’atmosfera è angosciosa, raggiunta attraverso un uso assai funzionale dell’elettronica e a volte spezzata da nevrotici riff di chitarra distorta.

La voce di Swanz, che a volte compare recitando brevi brani tratti dalla tragedia, contribuisce ancor più al clima di angoscia che caratterizza tutto il disco, in cui il senso di attesa dell’imminente tragedia la fa da protagonista.

Macbeth di Swanz The Lonely Cat è un’opera coraggiosa, inusuale, sperimentale senza mai perdere di godibilità, musica per il cervello, non certo per la pancia, che in un batter d’occhio trascina l’ascoltatore in un viaggio alla vigilia dell’apocalisse.

Bandcamp

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 775