S.U.S.: Il Cavallo Di Troia

Miscelando le sonorità più disparate a un bizzarro immaginario lirico che riecheggia la scrittura surreale di Rino Gaetano, i pistoiesi S.U.S. ci propongono un lavoro tanto particolare quanto interessante

S.U.S.

Il Cavallo Di Troia

(Cd, A Buzz Supreme)

indie rock, noise

_______________

I pistoiesi S.U.S. (acronimo del toscanissimo modo di dire Succede Una Sega) approdano all’esordio sulla lunga distanza tre anni dopo la pubblicazione dell’ep Musica Per Sordi, mescolando stili e influenze senza soluzione di continuità.

Se l’opener Succede Una Sega è punk urlato in pieno CCCP-style, già col secondo brano ci ritroviamo su un altro pianeta: Digging For Birds è uno strumentale che gioca coi ritmi funk cari ai Gang Of Four.

Non hanno paura di spaziare, i S.U.S., e – pur senza perdere di omogeneità – per l’intero arco dell’album si divertono ad attingere alle sonorità più diverse: dall’improbabile incrocio fra Disciplinatha e Sonic Youth di Gli Errori Di Copernico agli impensabili momenti funk che squarciano un brano à la Giorgio Canali come Dance.

Andamento swing in L’Ultima Moda e atmosfere agrodolci nello slow-tempo Questa Città, noise puro in Esplosione Di Una Raffineria.

Il tutto fa da sfondo ai testi surreali del chitarrista-cantante Alessio Chiappelli, che alterna l’uso del parlato a melodie vocali di stampo afterhoursiano (La Cura, Ubriaco).

Il suono è limpido e potente, con la voce forse troppo evidenziata dalle scelte di missaggio.

Lavoro interessante che merita senz’altro un ascolto.

Gli ultimi articoli di Vittorio Arena

Condivi sui social network:
Default image
Vittorio Arena
Articles: 48