Frames: Mosaik

Frames: Mosaik è l'esordio di un giovane quartetto capace di riservare molte sorprese. Quali? .......

Frames

Mosaik

(Cd, Steamhammer)

post-rock

_______________

Frames- MosaikMi accosto un po’ impaurito a questo debut album dei tedeschi Frames: l’etichetta che lo pubblica, la Steamhammer, evoca ricordi eighties a base di metal claustrofobico e serrato; e constatare che la gran parte di informazioni che trovo online sul quartetto teutonico provenga da siti specializzati proprio in heavy metal non fa che accrescere i già pressanti timori.

Preparato a un ascolto che già vedo come una espiazione di tutte le mie colpe recenti e non, scopro sin dalle prime note dell’Intro che Mosaik di metal ha ben poco.

Tirato un sospiro di sollievo e messe di nuovo le colpe in lista d’attesa per l’espiazione, comincio contro ogni pronostico a farmi trascinare dalle atmosfere dell’album: la proposta dei Frames è interamente strumentale, radicata in territori post-rock e shoegaze, con qualche costruzione ritmica che si concede alle sonorità più estreme che inizialmente tanto temevo ma anche tanti raffinatissimi timbri di pianoforti ed archi, melodie sempre piene di gusto e un’attitudine progressiva che ha il merito di non sconfinare mai nel tecnicismo gratuito.

L’intreccio di sonorità ha un equilibrio eccellente: coesistono fra loro le chitarre liquide dei la Durutti Column, le ritmiche asciutte dei God Machine, le dilatazioni malinconiche dei Mogwai.

I quattro di Hannover hanno la grande capacità di non annoiare mai nonostante l’assenza del cantato e la notevole lunghezza dei singoli brani, alternando momenti puramente rock ad altri che sconfinano quasi nella musica da film e mantenendo sempre una compattezza stilistica impeccabile.

Bene anche la qualità di registrazione.

Gli ultimi articoli di Vittorio Arena

Condivi sui social network:
Default image
Vittorio Arena
Articles: 48