The Horrors: Skying

Condivi sui social network:

The Horrors

Skying

(Cd, XL)

glo-fi, shoegaze, psychedelia, rock, post-punk

________________

the horrors skyingA mio avviso sono almeno due i modi in cui è possibile affrontare la terza fatica dei The Horrors, questo Skying appena uscito. Ascoltarlo e valutarlo in quanto tale o all’interno della discografia della band.

Nel primo caso siamo davanti a una specie di bignami-omaggio a tutto ciò che in Inghilterra è passato negli anni ’80, dai Psychedelic Furs (Changing the Rain e Ocean Burning sono i brani che più si rifanno a qiuesta band e [casualmente?] sono rispettivamente in apertura e chiusura dell’album, ai Galaxy 500, dai primi Simple Minds ai Ride, dagli Echo & The Bunnymen ai My Bloody Valentine,  dagli Stone Roses ai Primal Scream, sforando quindi nei ’90. Ma il giochetto potrebbe continuare ancora a lungo. Nel secondo caso invece dovremmo constatare che i The Horrors degli esordi, i nipotini dei Cramps, sembrano morti e sepolti da un pezzo (da “ben” quattro/cinque anni).

Disco vario e variegato, con Moving Further, Skying arriva negli stessi territori psichedelici esplorati in più occasioni dai Chemical Brothers, senza subirne l’estetica del mixer; ma vengono addirittura ripresi i troppo presto dimenticati A Flock of Seaguls.

Insomma, nulla di nuovo all’orizzonte. Ma questo lo sapevamo già. Quello che non sapevamo, forse, è che i The Horrors sono una band che probabilmente non ha un progetto di vita ben chiaro e definito, una cifra stilistica scolpita nel granito, ma di sicuro è in costante crescita e ancora una volta ci regala un album piacevolissimo dall’inizio alla fine. Al di là dell’hype e delle provocazioni degli esordi, oggi in mano abbiamo una band (e un disco) abbastanza maturo da non risultare fastidioso nel suo essere assolutamente derivativo; certo, se si trattava di una band italiana tutta la critica li avrebbe fatti a pezzi da quel dì, accusandali di non avere una personalità originale, ma il marketing ha le sue ragioni, i The Horrors sono il prodotto e noi i destinatari del messaggio.

[iframe: src=”http://rcm-it.amazon.it/e/cm?t=rock02-21&o=29&p=8&l=as1&asins=B0050I2P32&ref=tf_til&fc1=000000&IS2=1&lt1=_blank&m=amazon&lc1=0000FF&bc1=000000&bg1=FFFFFF&f=ifr” style=”width:120px;height:240px;” scrolling=”no” marginwidth=”0″ marginheight=”0″ frameborder=”0″]

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, , ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

1 thought on “The Horrors: Skying

  1. Ho ascoltato attentamente e ripetutamente questo nuovo album dei the horrors.Che semplicemente è un capolavoro,perche poche band riescono a sformare un album con 10 tracce una piu bella dell’altra.Certo è vero in questo nuovo album ci sono sonorità anni 80/90 pero richiama nello stesso tempo ancora suoni garage e psichedelici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.