The Fratellis: In Your Own Sweet Time

Condivi sui social network:

The Fratellis

In Your Own Sweet Time

(Cooking Vynil/Edel)

indie rock

_______________

The Fratellis- In Your Own Sweet TimeIl nuovo album dei Fratellis, In Your Own Sweet Time, è composto da undici brani. Si apre con Stand Up Tragedy. È una composizione di Jon Fratelli tipicamente robusta e tipicamente antitumorale. Un pezzo decisamente movimentato, un po’ come se il gruppo volesse far sapere che è tornato e dopo tre anni è pronto a far nuovamente divertire e ballare i fans.

La seconda traccia cambia registro: Starcrossed Losers pare catapultarci negli anni Sessanta o giù di lì, in cui ben si sposano gli strumenti di accompagnamento alla parte vocale che, almeno in questa prevale decisamente. Interessante e abbastanza orecchiabile il ritornello che facilmente entra in testa. Anche la terza e la quarta traccia non si distaccano troppo da questo sound.

Anche gli altri brani non si distaccano troppo da quello che contraddistingue da anni il gruppo, giusto I Am That, ultimo brano che chiude l’album lascia all’ascoltatore il tempo di riflettere. La musica è meno elettrizzante, meno movimentata, più lenta, cosi come lo erano le precedenti. Giusta conclusione per l’album.

La band scozzese ha speso parecchio tempo a celebrare i dieci anni dall’uscita di Costello Music, che nel 2006 stazionò ben 83 settimane in classifica. Dopo il lungo tour celebrativo sono finalmente tornati in sala di registrazione e In Your Own Sweet Time ne è il riuscitissimo parto.

I Fratellis sono una rock band di Glasgow, formata nel 2005. La band è composta dal cantante e chitarrista Jon Fratelli (nato John Lawler), dal bassista Barry Fratelli (nato Barry Wallace) e dal cantante e batterista Mince Fratelli (nato Gordon McRory). I loro singoli Chelsea Dagger e Whistle for the Choir furono entrambi i primi dieci successi nelle classifiche del Regno Unito.

Se vi piace l’indie rock tendente al rock degli anni sessanta allora dovete assolutamente correre ad acquistare questo album.



Gli ultimi articoli di Iolanda Pompilio

Condivi sui social network:
,