Marlene Kuntz: Lunga Attesa

Condivi sui social network:

Marlene Kuntz

Lunga Attesa

(Sony)

rock

______________

 

https://youtu.be/0E3RFAbcZxc

recensione-marlene-kuntz-lunga-attesaTerminando la recensione del concerto dei Marlene Kuntz di un anno e mezzo fa, la celebrazione del ventennale di Catartica, scrivevo:

… dopo il bagno di folla di questo tour, che li ha visti riabbracciare le sonorità noise degli esordi, i Marlene avranno il coraggio di tornare alle atmosfere più meditative che hanno caratterizzato gli album degli ultimi anni?

Ascoltano Lunga Attesa, la loro ultima fatica, la risposta è netta e chiara come il sole: no. Per fortuna dei fan della prima ora, me compreso.

I Marlene Kuntz del 20016, quelli di Lunga Attesa, appunto, sono sonici come gli anni ’90 comandano, sono arrabbiati, ruvidi, rasposi. Ma allo stesso tempo la scrittura dei testi di Cristiano Godano, le chitarre dello stesso Cristiano e di Riccardo Tesio, il drumming preciso e selvaggio di Luca Bergia sono cresciuti e più maturi.

La “lunga attesa” del titolo, dunque, è quella sostenuta dai fan per ascoltare la band cuneese tornare a quello che gli riesce meglio, un rock sanguigno sporcato d’alternative ma in cui, allo stesso tempo, i testi hanno una pregnanza cantautorale che piacevolmente cozza con gli infantilismi di tante band “ruspanti” dell’ultima ora. E sì, perché i Marlene nel corso della loro carriera hanno indotto intere schiere di adolescenti a imbracciare le chitarre e a suonare alla Marlene, in un processo tanto naturale nel mondo del rock quanto stremante per chi invece ne scrive ;-).

Un album maturo, corposo, a tratti entusiasmante, sempre interessante, con Bergia che sperimenta ritmiche diverse (e più o meno inedite); l’unico rimprovero che si può fare a Lunga Attesa è che forse manca (nonostante qualche tentativo) delle nuove Nuotando nell’Aria e Festa Mesta. Leda è forse la canzone che più di ogni altra si presterà ad essere cantata a squarciagola nell’imminente tour che già si preannuncia affollatissimo.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →