Marilyn Manson: Heaven Upside Down

Marilyn Manson

Heaven Upside Down

(Loma Vista)

industrial, rock

_______________

Marylin Manson Heaven Upside DownDopo le deludenti prove live della scorsa estate, Marilyn Manson torna col nuovo Heaven Upside Down.

L’album rivede la collaborazione con Tyler Bates, compositore di colonne sonore e già al lavoro con Rob Zombie; ma soprattutto vede Marylin Manson con le idee particolarmente confuse, a intorpidire le acque di un album che non manca di pezzi di buon livello, annacquati in un calderone di vecchio e nuovo.

Il Reverendo non riesce a smarcarsi del suo ingombrante passato e alla luce dei deludenti risultati di vendite delle sue prove puramente rock, ritira fuori dal cilindro l’armamentario di voci filtrate, di assalti a furor di distorsori, ma anche di feroci prese per i fondelli (Revelation 12).

La parte più confusionaria di Heaven Upside Down è la prima metà del disco, in cui vengono (ri)presi vari elementi dagli album di maggior successo di Marylin Manson.

Nella seconda metà dell’album, invece, il livello delle composizioni si alza così come si fanno più moderati i toni in generale, andando a pescare influenze post-punk e proto-punk, con addirittura tentazioni trap.

Insomma, l’ennesimo album interlocutorio di Marylin Manson, con la prevedibile tirata anti-Trump, riferimenti religiosi, alcuni buoni pezzi, alcune porcherie, nessun singolo memorabile e con la rivelata paura di abbandonare definitivamente il sound della prima ora a vantaggio di qualcosa di più maturo.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messagero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →