Le Maschere di Clara: 23

Condivi sui social network:

Le Maschere di Clara

23

(Cd, Jestrai)

Rock sperimentale

______________

Le Maschere di Clara- 23Il trio che compone Le Maschere di Clara, nome ispirato dalla compositrice tedesca dell’Ottocento Clara Wieck, arriva da Verona e propone 23, un EP di 4 pezzi per presentarsi al pubblico con l’intenzione di legare la musica classica al prog-rock esplorando architetture musicali estranee alla canzone canonica.

In particolare pianoforte e violino vengono prestati qui a sonorità piuttosto aggressive e infuriate, con armonie classiche esasperate offrendo  canzoni suonate senza la chitarra, uscendo comunque con un suono di natura prog rock ed elettrica, attraverso i guizzi del violino, le isterie e dolcezze del pianoforte e l’accompagnamento furioso della batteria.

Porpora pare un discreto inizio, in Frammenti dispiace che la parte vocale non sia abbastanza curata perché ne poteva uscire un brano piuttosto interessante. Più travolgente e sperimentale La Scala di Escher, fatta di cambi di tempo e follie musicali in cui gli strumenti vengono storpiati a fondo. Un velo pietoso invece avvolge l’ultimo brano Sogni Estinti, che ci fa comprendere quanto non sia di loro interesse approcciarsi a musicalità più orecchiabili per avere una maggiore attenzione.

Con una registrazione tra l’altro poco convincente, 23 è un Ep viscerale e surrealista di difficile ascolto che purtroppo, pur riconoscendo la bravura musicale dei tre musicisti, è macchiata da scarni testi con l’intento di usare piccole recite teatrali nervose piuttosto che povare una comunicazione maggiormente più incisiva.

Decisamente molto di nicchia.

Gli ultimi articoli di Luca Paisiello

Condivi sui social network:
, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.