Steven Wilson: Get All You Deserve

Steven Wilson

Gett All You Deserve

(DVD, 2Cd, Blu-Ray, KScope)

rock progressive

_______________

[youtube id=”UVyGKOyvFLY” width=”620″ height=”360″]

Steven Wilson è uno alla vecchia maniera, non ha paura di inondare il mercato, e i suoi fans, di uscite discografiche. E mentre proprio in questi giorni viene annunciata l’uscita del quarto disco dal vivo dei suoi Porcupine Tree, attesi per il 2013 con un nuovo album in studio, ecco uscire Get All You Deserve, video e audio testimonianza del tour di supporto all’uscita del monumentale Grace For Drawning.

In compagnia di un manipolo di musicisti dal sicuro pedrigree – ovvero Marco Minnemann (batteria), Nick Beggs (basso), Theo Travis (flauto e sax), Adam Holzman (tastiera) e Niko Tsonev (chitarre), Wilson ci regala un monumento a sé stesso e alla sua musica, stavolta tutta proiettata sull’aspetto progressive della sua visione musicale, lasciando un passo indietro la psichedelia.

Inserendo in scaletta anche a qualche brano da Insurgentes, sua prima fatica solista, Grace For Drawning è ovviamente il piatto forte della scaletta, rimaneggiato con arrangiamenti virtuosi e spesso esaltanti.

Le riprese e l’editing di Lasse Holle concedono poco allo spettacolo: sono pulite, elegante, senza effetti o effettacci, atte a massimizzare il lavoro degli splendidi musicisti sul palco e la loro integrazione col light show e proiezioni.

Altro paio di maniche invece l’impianto audio di Get All You Deserve. Ai più distratti ricordiamo che Wilson è piacevolmente un maniaco dell’hi-fi, della produzione del suono e dell’audio multicanale, tanto da essere stato incaricato da Robert Fripp di rimasterizzare in 5.1 il catalogo dei King Crimson (e forse proprio da Fripp, Wilson ha imparato a far uscire un live ogni volta che esce da casa). Fatto sta che oltre alla tradizionale traccia stereo, a un Dolby Digital in 5.1 efficace ma nella norma, troviamo uno spettacolare DTS 5.1 a 24 bit 96 Khz. Per i digiuni di queste “pinzellacchere” (avrebbe detto Totò, ma pinzellacchere non sono, fidatevi), siamo di fronte allo stato dell’arte della riproduzione sonora su supporto ottico: dinamica ultra spettacolare, risposta in frequenza spinta oltre i limiti dell’udibile, coinvolgimento multisensoriale totale. Anche se a volere dirla tutta qui c’è un po’ di abuso dei canali surround, peccato veniale in nome di una spettacolarità a vantaggio dei nuovo adepti al culto dell’home theater.

Get All You Deserve ci pone davanti il solito, grandissimo, Steven Wilson: un po’ megalomane, attentissimo a ogni dettaglio, talentuoso compositore e musicista. Semplicemente geniale.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

1 thought on “Steven Wilson: Get All You Deserve

  1. okkio a quanto scrive Wilson circa il souno del Dvd, se riprodotto senza le dovute accortezze:
    Steven Wilson: “Guys – I’m still seeing people talking about how much the Get All You Deserve DVD sucks because the sound is so bad! All these people are watching it using Apple DVD Player with dolby compression on – you need to go to Preferences>Disc Setup and tick the box that says “Disable dolby dynamic range compression”. Sorry to keep going on about this, but it’s pretty irritating to see people giving it one star reviews based on terrible over-compressed sound, when in fact the sound is pristine and has no limiting or mastering compression applied at all, it’s a dumb feature of Apple DVD Player that it defaults to this setting. If you can spread the word about that, much appreciated!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.