dEUS – Following Sea

Tornano a sorpresa i dEUS, decisi a rimanere nel cuore dei fans più a lungo possibile. Dopo solo un anno dal precedente album, Tom Barman e soci rilasciano all'improvviso Following Sea, dieci canzoni perfette per l'estate degli indie kids. Ascolta l'album

dEUS

Following Sea

(Cd, Play It Again Sam)

indie rock

________________

deus - following seaC’eravamo abituati a un lasso di almeno quattro anni tra un disco e l’altro dei dEUS, e invece…

E invece ecco Following  Sea, che arriva a “solo” un anno da Keep You Close, là dove invece c’eravamo abituati a periodi assai più lunghi d’assenza dalle scene dei dEUS.

Loro dichiarano che avevano delle canzoni pronte o quasi e che non volevano lasciarle a prendere polvere, col rischio che passassero di moda (o di sound). Il sospetto, invece, è che si tratti di materiale di scarto di Keep You Close e che sia stato tirato fuori in fretta e furia per prolungare il tour che con successo sta portando i dEUS in tutto il mondo, ribadendo – se mai ce ne fosse bisogno – quanto la band di Barman sia (stata) fondamentale per la costruzione di buona parte del sound dell’indie rock di maggior successo proveniente d’oltremanica.

Sia come sia, Following  Sea scorre via che è un piacere. Cantato prevalentemente in inglese, non disdegnando il francese, inondando di synth l’incipit Quatre Mains, riprendendo qua e là il sound di Worst Case Scenario (senza mai sfiorarne la genialità), fra ballatone piene di pathos (Hidden Wounds, Nothing) e testi sbarazzini (Fire Up The Google Beast Algorithm), sarà anche un album passato dal congelatore direttamente al micro-onde, ma funziona bene dall’inizio alla fine.

S’ascolta con piacere, questo Following  Sea, e siamo anche sicuri che per come è arrangiato ben si presterà a incendiare gli infuocati live-set dei dEUS, attesi per il 3 luglio a Marina di Ravenna e il 5 luglio a Roma, al Parco di San Sebastiano.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 774