Lacrimas Profundere: Songs for the last view

Condivi sui social network:

Lacrimas Profundere

Songs for the last view

(Cd, Napalm Records, 2008)

gothic metal

_______________

Se è vero che l’emo rock è passato da fenomeno di nicchia a imprescindibile dettame per la moda dei giovinetti moderni(guardare le pettinature dei diciottenni per credere), è altrettanto palese che le sue declinazioni più “heavy” stanno traendo grande giovamento da questa ondata di moderna spleen beaudelairiana.

E così il gothic e il dark metal ringraziano e si godono questo momento di nuovo splendore. Con gli HIM alla testa del gruppo, vecchie e nuove formazioni di nero vestite si lanciano alla conquista dei cupi cuoricini in attesa di un’adeguata colonna sonora per le loro malinconiche riflessioni.

Un’occasione da non perdere per i Lacrimas Profundere, gruppo tedesco non certo di primo pelo, con 10 album all’attivo e un passato che va dal Doom al Neo Classic Metal.

Fondata nel 1993 dal vocalist Christopher Schmidt, la band era inizialmente caratterizzata da due voci, una maschile e una femminile. Dopo oltre 13 anni di carriera e varie sperimentazioni (tra cui l’inserimento di un’arpista nella line-up), Schmidt decide di lasciare la band e il suo posto viene preso dal più giovane Rob Vitacca.

Songs For The Last View è il primo lavoro di questa nuova formazione e ciò che salta subito all’orecchio è l’addolcimento generale dei toni, difficilmente non riconducibile all’intenzione di cavalcare il movimento “rock and sad” dei nostri tempi.

L’album alterna brani più movimentati (We shouldn’t be here) a semi-ballad struggenti e un po’ artificiali (And God is Oean), portando a un risultato finale assolutamente orecchiabile, ma molto commerciale. Unico tratto distintivo è il “vocione” di Vitacca, mentre le sonorità sono davvero molto simili a quelle di gruppi come HIM o The Rasmus.

Nel complesso un lavoro curato e ben fatto, ma da un gruppo che ha suonato con Paradise Lost e Apocalyptica ci aspettavamo qualcosa di più originale.

Gli ultimi articoli di Valerio Frontini

Condivi sui social network:
,

1 thought on “Lacrimas Profundere: Songs for the last view

  1. Personalmente trovo che Songs for the Last View sia un album apprezzabile e coinvolgente. La nuova line up della Band funziona bene e Roberto Vitacca ha una bellissima voce, molto adatta per i brani che canta. Compresi quelli degli album precedenti: la resa live è eccellente. Il nuovo sound della band (gli ultimi tre album in particolare) è eccezionalmente godibile, per me. Consiglio caldamente questo disco e i precedenti tre a tutti coloro che amano la buona musica e la voce maschile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.