La Sindrome di Kessler: recensione disco omonimo

La Sindrome di Kessler

s/t

(Autoproduzione)

grunge, alternative rock, indie rock, psychedelic rock

Etichetta: auto-produzione

_______________

La Sindrome di KesslerUn rock influenzato da indie, alternative e noise innovativi è la ricetta musicale de La Sindrome di Kessler, quartetto residente nelle Capitale che si prepara a tornare in studio perle registrazioni del secondo album. Se l’esordio impastava con gusto ed equilibrio grunge e musica colta, adesso la band è più che mai decisa a creare un nuovo muro sonoro dall’impatto ancora maggiore, senza tralasciare l’imprevedibilità e la sensibilità che hanno già caratterizzato alcuni brani.

Un sound internazionale che prende spunto dai rabbiosi e al tempo stesso malinconici anni ’90 tutti a stelle e strisce di Nirvana e Soundgarden, arricchito da testi elaborati da un’esigenza e un’urgenza comunicativa evidenti che ricorda i primi Agnelli e Godano alla perenne ricerca di una luce in fondo al tunnel. Si avverte il bisogno di esprimersi, di svuotare anima e corpo dai troppi pensieri e dubbi che alimentano la quotidiana esistenza, con un’immediatezza  a tratti spiazzante, sottolineata e rafforzata dalla voce graffiante, elegante e riconoscibile di Antonio Buomprisco il quale, assieme a Canio Giordano (chitarra, voce ed effetti), Roberto Cola (basso) e Luca Mucciolo (batteria) arricchisce il genere sperimentale ‘made in Italy’ nel marchio di fabbrica La Sindrome di Kessler.

Il progressismo della band necessita più di un ascolto, se è vero che i temi affrontati dalle liriche vertono su incomunicabilità, disagio, aspettativa e modernismo, il tutto su di un piano controverso e spesso parallelo. A volte lento o pesante, il corpus sonoro de La Sindrome di Kessler è una storia narrata con poesia e abbracciata da armonie oscure e profonde. Come tutte le cose più preziose e sorprendenti, ci vuole pazienza e dedizione per riconoscerne il valore.

Quiete e tempesta, sono questi i termini giusti per presentare questo indie grezzo dal cuore pulsante. Una forte identità artistica che ritroveremo sicuramente nel nuovo album adesso “work in progress”.

 

 

Gli ultimi articoli di Maria Carola Leone

Condivi sui social network:
, , , ,

About Maria Carola Leone

View all posts by Maria Carola Leone →