Il Distacco: I 17 Lati

Il Distacco

I 17 Lati

(Autoproduzione)

grunge, alt-rock

_______________

IlDistaccoCopertinaEPUn itinerario ricco di sfumature forti e musicalità decisa, sono questi Il Distacco, rock band varesina che ha voglia di farsi sentire.

Il quartetto, composto da Nicolas Donno, Jacopo Di Pierro, Mack Danny e Davide Di Pierro, si lascia ispirare dal genere grunge alternative in voga negli anni ’90 del secolo scorso tornato alla ribalta negli ultimi tempi.

La loro prima fatica in studio dal titolo I 17 lati presenta cinque tracce dense e grumose in cui si ritrovano echi di leggende come Nirvana, Pearl Jam, Radiohead ma anche di nostri illustri connazionali come Verdena e Marlene Kuntz.

Non è dato sapere che significato abbiano questi famosi diciassette lati per il gruppo lombardo, forse sono un’allusione al famoso teorema di Gauss per la costruzione dei poligoni regolari; i quattro ragazzi, come il noto matematico, sono infatti riusciti a trovare un’equazione perfetta per mixare il grunge della Seattle di inizio anni ’90 con un sapore molto più italiano.

L’incisione dei pezzi fatta ‘a caldo’ vuole rilasciare la sensazione e la tipicità della musica live o del nastro d’un tempo, effetto ben riuscito anche attraverso le moderne tecnologie che permettono di farci gustare un prodotto che non suoni artificioso bensì trasudi qualità. Testi attuali in cui si affrontano differenti tematiche: dalle dinamiche sociali del nostro tempo sino alla voglia e alla ricerca di un futuro col desiderio di trovare ‘la pace dei sensi’ grazie all’eterna compagna: la musica.

L’EP, realizzato e prodotto in collaborazione con Giuliano Dottore (cantante degli ex Amor Fou) e registrato presso il Sotto il Mare Recording Studio nel Veronese, è stato anticipato dal singolo e videoclip Karma, un pezzo desertico e ricco di spunti orientaleggianti che rievoca alla memoria un leitmotiv alternativo; di fatti, ogni qualvolta lo si riascolta, si colgono colori e sensazioni differenti.

 

Gli ultimi articoli di Maria Carola Leone

Condivi sui social network:
, ,

About Maria Carola Leone

View all posts by Maria Carola Leone →