Il Disordine delle Cose

Il meglio dell'indie italiano schierato per l'esordio omonimo de Il Disordine delle Cose. Un disco prezioso, che riconcilia con la forma canzone e che fan ben sperare chi (ancora) crede che il pop non deve per forza essere frivolo e la canzone d'autore per forza noiosa

Il Disordine delle Cose

Il Disordine delle Cose

(Cd, Artevox / Venus / Tamburi Usati)

pop d’autore

________________

disordineUn disco importante, molto. Gli esordienti Il Disordine delle Cose – sotto l’ala protettrice dei Perturbazione – hanno raccolto attorno a loro buona parte dell’indie italiano. Musicisti di La Crus, Marta Sui Tubi, Bluebeaters, Fratelli di Soledad, Syria, Benvegnù e altri ancora concorrono un quest’oretta di ottime canzoni dal sapore agrodolce.

La qualità della scrittura musicale è alta, molto alta. Quella dei testi spesso molto buona, a volte poco incisiva (L’Idiota, che rimanda a Berlusconi).

Ma c’è subito da dire che di disordinato nel Il Disordine delle Cose c’è ben poco. Tutto è al suo posto, aiutato da un mixing praticamente perfetto; di rumore … manco a parlarne; di atmosfere e sound adatti alla modulazione di frequenza, invece, il disco è pieno.

Neanche di sperimentazione c’è traccia, nonostante lo spiegamento di forze (ospiti) in atto. Le canzoni, invece, si sviluppano in un modo abbastanza convenzionale.

Il disco invece di cercare sorprese ad effetto punta tutto sulle melodie: tutte ricercate, ben scritte e ben arrangiate. Le canzoni prima di tutto, quindi. Nel rispetto della concezione di “canzone melodica” italiana, più che della sua visione indie tricolore, che trova solo traccia nell’ultima traccia, Non Sono Io, Sono gli Altri, che potrebbe ricordare gli A Toys Orchestra e la loro coralità.

In sostanza, senza mai davvero graffiare (né con le liriche né con i suoni), l’esordio de Il Disordine delle Cose è un disco prezioso, che riconcilia con la forma canzone e che fan ben sperare chi (ancora) crede che il pop non deve per forza essere frivolo e la canzone d’autore per forza noiosa.

P.S.: un plauso anche al raffinato packaging dell’album.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 777