House of Harm: recensione di Playground

Gli House of Harm arrivano al secondo album e si prendono i loro tempi (dilatati) per produrre cambi dinamici e per innestare strati e strati di effetti sonori su una cascata di synth.

House of Harm

Playground

(AVANT! Records)

dark-pop, post-punk

______________

Quando ho sentito per la prima volta il singolo Before the Line m’è preso un colpo: ma che è uscito un nuovo singolo dei Cure? (mi sono detto). Invece si tratta dell’apripista di Playground, il secondo album dei bostoniani House of Harm, terzetto che ama giocare con tutto l’armamentario dark-pop, dai Cure epoca Wish ai Mission, nessuno escluso e con qualche sguardo verso l’emo-rock.

Con basso e batteria frutto di programmazione di macchine e gingilli elettronici vari, sono le cascate di synth a farla da padrone, insieme alle chitarre che provano a insinuarvisi e alla voce di Michael Rocheford, mixata una spanna sopra a tutto.

Gli House of Harm (tradotto, la casa del danno) si prendono i loro tempi (dilatati) per produrre cambi dinamici, per innestare strati e strati di effetti sonori e qualche glitch, quasi che abbiano paura di manifestare chiaramente le loro attitudine pop.

Playground è composto da 10 brani, non tutti a fuoco, ma con alcune perle che valgono il viaggio, come Soaked In Pastel, o Ignore the Taste, un omaggio agli Echo & The Bunnymen.

Insomma, gli House of Harm non sono niente male e arriveranno dritti al cuore di tutti i nostalgici del goth-rock, mentre per gli altri…

Ascolta gli House of Harm su Bandcamp

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 772