dEUS: recensione concerto Roma, Villa Ada, 25 luglio 2015

Condivi sui social network:

dEUS

Roma, Villa Ada, 25 luglio 2015

live report

_______________

dEUS @ Villa Ada, 25 luglio 2015 - foto di Massimo Garofalo

Fa troppo caldo! Nel week-end i romani fuggono dalla città e il sabato sera di chi rimane nell’umidissima e bollente capitale se lo contendono tante (troppe?) manifestazioni. Questo sabato, oltre tutto, in città ci sono anche Damien Rice e Caparezza. Nonostante la bella e comoda location e il prezzo abbordabile, a rimetterci le penne sono i dEUS, che raggruppano un po’ di fedelissimi, ma non certo la folla delle grande occasioni.

Peccato. Sarà per la prossima volta.

 

Chi ha avuto la lungimiranza di partecipare al concerto, però, s’è trovato davanti una band in grandissima forma, che – ancora una volta – mischia le carte con nuovi arrangiamenti che ne confermano la visione musicale “avant” + qualsiasi cosa (grunge, indie, alternative, rock, folk, jazz…): dai Nirvana ai Portishead, qualsiasi tipo di influenza passa nel loro tritacarne e diventa “altro”.

I festeggiamenti del ventennale stanno andando avanti da un po’ e lo scorso anno è uscita una doppia raccolta celebrativa; il tutto si concluderà a fine anno (o forse in primavera) quando i dEUS faranno un mini-tour denominato Slow Electric, nei teatri, in cui proporranno una scaletta basata sulle loro ballate.

Stasera invece Tom Barman e soci aprono a ventaglio la loro carriera, pescando i brani che il pubblico vuole ascoltare, ma anche cose non spessissimo suonate dal vivo. E così mentre Via, The Architect, e Little Arithmetics ce le aspettavamo un po’ tutti, decisamente meno scontati sono gli inserimenti di brani come If You Don’t Get What You Want.

Gli arrangiamenti nuovi riguardano un po’ tutti i brani snocciolati nell’ora e quarantacinque di spettacolo, ma su tutti ci piace ricordare il nuovo trattamento ricevuto da Theme From Turnpike e da Fell Off the Floor, Man.

Hotellounge e Suds & Soda, quest’ultima arrivata nell’encore, fanno spuntare qualche lacrimuccia (la prima) e – finalmente – fa scatenare il pogo la seconda.

I dEUS anche stasera hanno fatto quello che sanno fare meglio, ovvero prendere il loro pubblico seducendolo con carezze, salvo poi strapazzarlo ben bene con assalti chitarristici. E a noi, a cui piacciono sia le coccole sia essere presi per le spalle e sbatacchiati con forti scossoni, non rimane che stamparci un sorriso a 32 denti e prendere per buona la promessa dei dEUS, ovvero che torneranno presto dalle nostre parti.

dEUS @ Villa Ada, 25 luglio 2015 - foto di Massimo Garofalo - 2015-07-25 23.12.56

https://youtu.be/2CqVV0KdNAI

Setlist / tracklist concerto dEUS, Roma, Villa Ada, 25 luglio 2015

1. Slow
2. Via
3. The Architect
4. Constant Now
5. Stop-Start Nature
6. Instant Street
7. Fell Off the Floor, Man
8. Girls Keep Drinking
9. Sirens
10. Little Arithmetics
11. If You Don’t Get What You Want
12. Quatre Mains
13. Serpentine
14. Hotellounge (Be the Death of Me)
15. Sun Ra
16. Theme From Turnpike

Encore:

17. Roses
18. Bad Timing
19. Suds & Soda

[amazon_link asins=’B000026O4B,B0015WJBTS’ template=’ProductCarousel’ store=’rock02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ 0ae4a1f5-1b57-11e7-a299-835a77e0a041′]

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, , , ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →