Alessia D’Andrea

Una cantante italiana che guarda all'America, quelle delle cantanti rock per eccellenza. Alessia D'Andrea esordisce sulla lunga distanza con un disco dal piglio internazionale e ci conferma le sue immense doti vocali

Alessia D’Andrea

(Cd, Renilin)

pop, rock


______________

alessia-dandreaAlessia D’Andrea è da qualche anno che sembra stia per esplodere da un momento all’altro, mentre continua a beccasi solo l’apprezzamento della critica e degli addetti ai lavori, rimanendo (purtroppo) lontane dal grande pubblico.

Dopo una collezione di premi, timidi tentativi dance e una prestigiosa collaborazione con i Jethro Tull, arriva finalmente l’album d’esordio. Dieci canzoni su undici scritte dalla stessa Alessia, interpretate dalla sua voce straordinaria e suonate con gusto italiano ma con orecchie rivolte verso il female pop rock americano, quello della prima Morrissette, per intenderci.

L’omonimo esodio della D’Andrea (calabrese d’origine e romana d’adozione), complice un manipolo di collaboratori di lusso, ha un respiro e un sapore internazionale, mercato cui probabilmente si rivolge direttamente.

Tutti i pezzi sono cantati in inglese, tutti moderatamente “robusti” quanto ad impatto rock, senza mai diventare aggressivi. La voce di Alessia impreziosisce e sposta sopra la media un disco che fila liscio come l’olio, che risulta sempre piacevole senza però mai offrire vere e poprie scosse telluriche all’ascoltatore.

Ad Alessia D’Andrea va il nostro plauso per la bella voce e, soprattutto, per l’assoluta determinazione con cui sta cercando un posto al sole nel paradiso delle pop star. Un angolo di cielo se lo merita.

P.S.: su ogni copia del Cd sono incollati 50 centesimi di euro (veri): per staccarli si dovrà necessariamente produrre un piccolo strappo sulla cover, una ferita metaforica sull’infanzia dei bambini di cui si occupa Save the Children. Alessia ha allegato la moneta al suo disco affinché ognuno aggiunga a quei 50 centesimi quello che vuole e lo spedisca all’ONG.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 774