Snakehouse: Diabolik Vision

Snakehouse

Diabolik Vision

(Cd, Autoproduzione, 2008)

hard rock, blues

_______________

Gli appassionati del genere saranno estremamente soddisfatti di Diabolik Vision coinvolgente opera prima del quartetto bergamasco degli Snakehouse.
I non particolarmente appassionati delle reminiscenze anni ’70 e ’80 avranno comunque l’occasione di ascoltare un lavoro gradevole e ben eseguito.

L’album scorre piacevolmente, è palpabile l’affiatamento e l’energia dei musicisti. Ovvero di Morgan Carminati, voce e Jennifer Longo, batteria (entrambi già nei Tennessee Farmer) e di Simone Trevisan, chitarra e Nicola Mazzucconi, basso (insieme anche nei Mr Feedback): determinante il loro approccio schietto e gioioso che anima l’album.

Diabolil Vision contiene sei brani originali e due cover, Altar Of Love (Imperial Crowns), e Ridin’ On The L&N (John Mayall).

La title track che apre l’album è molto vivace; trascinante la successiva Don’t You, mentre White Table è un brano più lento, riflessivo e sinuoso.

Interessanti anche I’m Stranger e This Is My Style, sferzanti e veloci e con passaggi strumentali intricati, intensi e ipnotici.

Gli ultimi articoli di Miranda Saccaro

Condivi sui social network:
Default image
Miranda Saccaro
Articles: 176
Available for Amazon Prime