Steven Wilson: 4 1/2

Condivi sui social network:

Steven Wilson

4 1/2

(Kscope)

progressive rock

_______________

recensione-steven-wilson-4-1-2Non si sta fermo un attimo! No, non è un bambino, ma Steven Wilson, che alla sua carriera lontano dai Porcupine Tree ci ha preso davvero gusto e continua imperterrito a sfornare dischi e a calcare i palchi di tutto il mondo.

4 1/2 è la sua “nuova” fatica. Le virgolette si riferiscono al fatto che 4 1/2 contiene 6 brani, di cui quattro provenienti dritti dritti dalle session di Hand. Cannot. Erase, una dal precedente The Raven That Refused To Sing e una, l’ultima, è un pezzo dei Porcupine Tree del 1998, di cui le parti vocali sono state riregistrate. Della serie… non si butta via mai nulla ;-)

Cosa c’è in 4 1/2, musicalmente parlando? Una sequenza impressionante di super-musicisti (Adam Holzman, Nick Beggs, Guthrie Govan, Dave Kilminster, Craig Blundell, Marco Minnemann, Chad Wackerman e Theo Travis), oltre a Ninet Tayeb con cui Wilson divide il microfono in Don’t Hate Me.

Ma soprattutto c’è lo Steven Wilson solista a cui siamo ormai abituati. Nel bene e nel male. Lunghissime cavalcate progressive in cui fa capolino qualche barlume di psichedelia, una composizione robusta, grande virtuosismo strumentale.

Nulla di nuovo sotto il sole, dunque, ma il livello qualitativo è comunque sempre alto e la tracklist suona omogenea a dispetto dei diversi archi temporali da cui i materiali provengono.

Nervosi viaggi per chissadove (My Book of Regrets), ninna-nanne dolcissime (Year of the Plague), disturbanti intermezzi strumentali (Sunday Rain Sets In, la più breve del lotto e l’unica sotto i 4 minuti), e così via, in un continuo gioco di specchi in cui ogni brano è emotivamente l’opposto del precedente.

4 1/2 esce il 22 gennaio in una moltitudine di formati, per la gioia di fan, completisti e audiofili.

La nostra ultima intervista a Steven Wilson.

 

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →