Rocìo Rico Romero: Roca Bàsica

Rocìo Rico Romero

Roca Bàsica

(Liquido Records)

pop, flamenco, etno-pop

________________

[youtube id=”K_UHNXNN2ic” width=”620″ height=”360″]

Rocio_rico_romero

Dall’Andalusia a Bologna, solo andata. È il tragitto che ha fatto Rocìo Rico Romero, che oggi ci presenta la sua nuova fatica, Roca Bàsica.

Originaria di Huelva (quasi al confine col Portogallo, a un passo dall’Atlantico), la “nostra” è partita dalla più pura tradizione flamenca, salvo poi approdare in Italia (dove vive da molti anni), studiare canto lirico e rimanere folgorata sulla via del Lama tibetano Venerabile Norsang, in India.

Insomma, un viaggio attorno al mondo che – in parte – si percepisce anche in Roca Bàsica. Dico “in parte” perché sono tutte influenze che riguardano soprattutto il canto di Rocìo, mentre musicalmente siamo dalle parti di un pop leggero, meditativo, soffice, venato d’elettronica e di note di chitarra che rimandano al flamenco solo ad orecchie assai esperte di questa forma d’arte tanto affascinante quanto squisitamente andalusa.

Cantato in spagnolo con qualche episodio in italiano, Roca Bàsica è un disco che lascia a bocca aperta. Solo apparentemente semplice, è fatto da acquarelli che dimostrano come si possa parlare di cuore, amore e sentimenti senza (in)cedere al cantautorato, ma neanche alla banalità, lasciando che il pop, nell’accezione più alta del termine, sia veicolo di squisitezze che arrivano direttamente all’anima.

E l’anima di Rocìo Rico Romero è in uno stato di piacevole tranquillità, la stessa che arriva solo dopo un lungo percorso interiore e ci lascia – all’improvviso – soli con noi stessi.

Insomma, non lasciatevi fuorviare dai riferimenti etnici di quest’album, in realtà sono nove canzoni che arrivano dritte al cuore di chiunque. A patto che abbia un animo sensibile.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
, , ,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →