Morcheeba: Blaze Away

Morcheeba

Blaze Away

(Fly Agaric)

pop, trip-hop, downtempo

_______________

Morcheeba- Blaze AwayFormatisi ad inizio anni ’90 i Morcheeba hanno velocemente scalato le charts mondiali grazie a successi come Blindfold o l’acclamatissima Rome Wasn’t Build In A Day, dopodiché hanno avuto un periodo di stasi creativa collegata a qualche album non proprio imperdibile.

In questo 2018 tornano con Blaze Away, album contraddistinto dalla solita classe di Skye Edwards e dalle atmosfere raffinate che da sempre accompagnano i lavori della band.

Ne è un esempio la traccia di apertura, anche primo singolo estratto, Never Undo, seguita a ruota da Blaze Away con la partecipazione di Roots Manuva che infonde un piglio maggiormente radiofonico ad uno dei brani più orecchiabili e ritmati di questo lavoro.

Con Love Dub le sonorità si avvicinano ai lavori anni ’90 dei Massive Attack e, come dice il titolo, si tingono di dub.

Sound estivo e da airplay anche in It’s Summertime, brano a mio parere poco memorabile, così come la ballad piano e voce Sweet L.A. che non aggiunge nulla di interessante al repertorio dei Morcheeba.

Paris Sur Mer da un tocco di Gainsbourg con gradevolissime atmosfere in lingua francofona e la graditissima partecipazione di Benjamin Biolay.

Se  Find Another Way si avvicina ai brani più pop della fine anni ’90, Set Your Sails spinge sulle sonorità degli esordi ed è qua che a mio parere la band ha davvero un passo in più; d’altronde non è scritto da nessuna parte che si debba per forza evolvere il proprio sound, né che evolversi sia sinonimo di migliorarsi.

Free Of Debris si avvicina ai suoni chillout e lascia brevemente spazio alla traccia conclusiva Mezcal Dream coi suoi quasi minuti di ipnotica magia.

Un lavoro interessante che si riavvicina alle cose prodotte a inizio carriera. Bentornati Morcheeba.

https://www.morcheeba.uk/

Acquista su Amazon.it

Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
, , ,