Intervista ai Coach Party

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere coi Coach Party, che ci hanno parlato un po' di loro e dato preziosi consigli per l'ascolto di alcune band dell'Isola di Wight.
I Coach Party con, a sinistra, Fabio Busi. Click sulla foto per ingrandire.

Dopo la data bolognese dei Coach Party ho scambiato con loro quattro chiacchiere per conoscerli meglio.

ROCKSHOCK – Ciao, volete raccontare un po’ ai nostri lettori di Rock Shock chi siete e come vi siete conosciuti?

COACH PARTY – EHI! Siamo i Coach Party dall’Isola di Wight, Regno Unito. Suoniamo insieme dal 2016 circa, e ci siamo tutti incontrati in momenti diversi, ma tutti riuniti attraverso la scena musicale locale.

RS – Come avete scelto il nome Coach Party?

CP – Abbiamo suonato con un nome diverso fino alla fine del 2019, quando abbiamo deciso che sarebbe stata una buona idea ricominciare da capo con nuova musica, un nuovo nome e dare una grande spinta a tutto. Ci piaceva il nostro vecchio nome, quindi è stato davvero difficile pensare e concordare qualcosa di nuovo. In verità, alla fine, dopo mesi in cui ci siamo quasi uccisi a vicenda, Steph ha semplicemente detto “che ne dici di Coach Party”, e dopo un altro paio di settimane in cui ci siamo quasi uccisi a vicenda, abbiamo detto tutti “ok”. Retrospettivamente, veniamo da un luogo in cui le feste in pullman sono ancora una cosa reale, al punto che non è insolito per i bar avere cartelli all’esterno che dicono cose come “vietato organizzare feste in pullman”, quindi potresti sostenere che in realtà è un nome super personale e intelligente per la banda.

RS  – In questo periodo ci sono svariate band molto interessanti provenienti dall’Isola di Wight, siete amici di qualcuna delle altre band? Com’è la scena?

CP – Sì, le band qui vanno molto d’accordo. C’è sempre tanta buona musica sull’isola, per esempio in questo momento, abbiamo The Appalled, Panda Swim, Grade 2, Mouth, Plastic Sirens, Wet Leg, Godsaidso, Fox Rawding, Fat Earthers, onestamente ce n’è un sacco di grandi cose. Non si tratta tanto di una scena fisica in cui ci sono un sacco di locali in cui suonare, ma più del caso in cui andiamo a fare i nostri tour, torniamo e vediamo i nostri amici, ci diciamo a vicenda come stanno andando i concerti, o come la registrazione sta andando avanti o altro, e tutti sono davvero di supporto.

RS – Quali sono le band (nuove o già affermate) che seguite di più e quali vi hanno ispirato?

CP – Al momento ci piacciono molto Royel Otis, Rozwell Kid, Panda Swim, Pardoner e alcuni classici preferiti come Alvvays, Weezer, Queens Of The Stone Age, The Cribs

RS – Com’è stato il processo creativo dell’album? Quando entrate nello studio, come vi relazionate e vi bilanciate a vicenda?

CP – Per noi era insolito, perché fino a quel momento avevamo già scritto e pubblicato 3 EP, quindi iniziavamo il nostro primo album completamente da zero, mentre spesso un album di debutto è composto da un mucchio delle tue migliori canzoni scritte su negli ultimi due anni. Quindi sembrava davvero un compito arduo, ma eravamo pronti alla sfida. A volte era difficile restare bloccati dato che eravamo in tournée per così tanto tempo, ma quando riuscivamo a trascorrere una settimana circa senza interruzioni facevamo buoni progressi. Penso che la cosa principale che ci ha dato energia sia stato sapere che questo era il nostro album di debutto, e doveva semplicemente essere migliore di qualsiasi cosa avessimo fatto prima. Non c’era altra opzione, quindi siamo andati avanti.

RS – Attualmente siete in tournée in Europa, tournée che ha toccato anche l’Italia, che risposta avete avuto dal pubblico? Ho adorato il vostro live al Covo Club, era da tanto che non facevo un live interamente davanti al palco…

CP – È stato assolutamente fantastico. Abbiamo visto posti davvero meravigliosi in cui non eravamo mai stati prima, come Bologna, e abbiamo ricevuto un’accoglienza così calorosa ad ogni fermata. Il Covo Club è stato così divertente: un pubblico davvero appassionato. Stiamo appena finendo questo tour con alcune date in Irlanda e nel Regno Unito che, ancora una volta, sono state fantastiche. Immagino che, dato che l’album è uscito ormai da un po’, il pubblico abbia familiarità con qualunque canzone vogliamo suonare, anche se non erano singoli, quindi abbiamo avuto il piacere di creare semplicemente delle scalette che sono divertenti per noi. suonare, e il pubblico sembra averlo apprezzato.

RS – Grazie di cuore per la vostra disponibilità e per la vostra musica, vi auguro davvero tanto successo.

CP – Grazie mille a te per essere venuto al live del Covo Club di Bologna e speriamo di rivederti presto!

 

Gli ultimi articoli di Fabio Busi

Condivi sui social network:
Fabio Busi
Fabio Busi
Articoli: 402