MantriKa: Bianco

Sembra proprio che la luce bianca sia in realtà la combinazione di tutti i colori dello spettro luminoso. Bianco è il titolo del debut album dei MantriKa…e a ben vedere è un arcobaleno di sfumature

MantriKa

Bianco

(Cd, Autoproduzione)

pop, rock

____________

MantriKa- BiancoCon ormai due Ep all’attivo, Dorian (datato 2007) e Premonizioni (2009), i MantriKa si affacciano ora sulla scena nostrana per il grande passo: il rilascio del primo album, Bianco. In questo disco la band bolognese ha messo a frutto due linee stilistiche già emerse nel proprio passato musicale, unendo la tendenza etnica e cantautoriale preponderante nella loro prima produzione con l’attitudine rock ed elettronica più spiccatamente presente nel secondo capitolo del gruppo.

Giusto per dare una visione globale del retroterra del quintetto: il progetto nasce nel 2006 dalla mente di Marco Bonvicini, forte di una precedente esperienza da cantautore e attualmente impegnato sul fronte voce e chitarra, al quale si aggregano progressivamente Claudio Marchesi (tastiere), Lorenzo Lenzi (chitarre), Andrea Romagnoli (basso) e Federico Collovà (batteria).

Il risultato finale è un insieme di correnti che viaggiano su frequenze diverse ma in parallelo: un lavoro eterogeneo che sa come richiamare l’attenzione su di sé con delicatezza ma anche con decisione. Piccoli particolari degni di nota si snocciolano traccia dopo traccia e conducono al nucleo dell’ascolto, lasciando dietro di sé una tela di impressioni molteplici e multicolori. E man mano che ci si cala nel tessuto sonoro si registra un progredire ordinato e regolare, nel quale brillano con uguale vigore pezzi come più intimistici come Disarmonie e These Arms, più affine alla new wave, che non soccombono certo al cospetto dei momenti più movimentati quali Chiaroscuro e Ragnatele, stilisticamente più graffianti.

Una media ponderata tra le due anime complementari del disco darebbe un valore intermedio, da individuarsi nella matrice generale e sufficientemente ampia del pop rock più melodioso, reso corposo da riff grintosi e rifinito da inserzioni elettroniche non intrusive, le principali responsabili di quel cosiddetto suono mantrico.

 

Gli ultimi articoli di Delia Bevilacqua

Condivi sui social network:
Immagine predefinita
Delia Bevilacqua
Articoli: 60