Kasabian: 48:13

Kasabian

48:13

(Columbia)

indie rock

______________

kasabian-48-13-recensione-album-2014Annunciati come headliners di Glastonbury 2014 ben prima che si ascoltasse una sola nota del loro 48:13, i Kasabian arrivano al quinto album della loro carriera con il progetto più ambizioso che potessero permettersi.

Prodotto dallo stesso chitarrista (e neo papà) Sergio Pizzorno, 48:13 è un disco sincretico: mastica, digerisce e risputa 50 anni di musica rock, a partire dai Beatles (ovviamente), passando dai  Fleetwood Mac per poi mano a mano innestare nelle sue canzoni elementi dagli Stone Roses, Prodigy, Chemical Brothers (il quasi plagio del singolo Eez-Eh), Fatboy Slim, i Simple Minds prima maniera (cfr l’intro di Clouds) fino ad arrivare ai cafonissimi (e qui da noi misconosciuti) Audio Bullys.

Nonostante tutto, 48:13 suona come un disco divertentissimo, un trip orgasmico-psichedelico degli anni ’10, una sfilza di pezzi in grado di far esplodere le platee di tutto il mondo, a cominciare dagli yeahhh di apertura di Bumblebee, di cui Shiva ne è l’intro.

48:13 sciorina una serie di navigati trucchetti strappa cori (Bananas!) conditi con sapiente elettronica, l’uso-abuso della parola ecstasy, senza però mai far dimenticare che i Kasabian sono una band che suona e che sul palco spacca. Di brutto. E che riesce a produrre gioielli come Levitation anche con riff di chitarra (apparentemente) semplici.

Insomma, con 48:13 (come la durata dell’album) i Kasabian non rinunciano a qualche zampata politica o a gettare un occhio disincantato sul presente e la Rete (being watched by Google), ma soprattutto si confermano come una macchina da guerra di portata planetaria. Che il party abbia inizio.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →