Giovanni Dal Monte: Visible Music For Unheard Visions

Visible Music For Unheard Visions è un album che "gioca" con l'elettronica e con tutte le sue sfaccettature; Giovanni Dal Monte sperimenta efficacemente con la musica e i suoi linguaggi

Giovanni Dal Monte

Visible Music For Unheard Visions

(SonicaBotanica)

elettronica, experimental

_______________

Giovanni-dal-monteArtista con la maiuscola e a tutto tondo, Giovanni Dal Monte si confronta da sempre non solo con la musica, nel disinteresse generale del pubblico italiano e – invece – suscitando curiosità oltr’Alpe, ma anche con le immagini.

Visible Music For Unheard Visions è un album che “gioca” con l’elettronica e con tutte le sue sfaccettature, affrontando di petto il nu-soul come la dark-ambient, campionamenti classicheggianti (Mussorgsky su tutti) e il cyberpunk, sicretizzando il tutto nella traccia finale, Let’s Go Minimal.

Più cerebrale che emotivo, Visible Music For Unheard Visions è una sperimentazione ben riuscita sui linguaggi della musica, affrontata con chincaglierie digitali ma – soprattutto – con le idee molto chiare.

Giovanni Dal Monte accompagna quest’album con una video-installazione (a Imola, sua città natale, fino al 25 luglio), mischiando ancora di più le carte e con la consapevolezza di aver realizzato un album che potrà risultare più che interessante a diverse fasce di pubblico.

Colto, intelligente, a volte sorprendente, Visible Music For Unheard Visions reclama un ascolto tutt’altro che distratto, orgogliosamente consapevole che potrà regalare molte soddisfazioni all’ascoltatore curioso.

 

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Default image
Massimo Garofalo
Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
Articles: 639
Available for Amazon Prime