Colya: 54 e Non Sentirli

I Colya di 54 e Non Sentirli riescono con successo a unire influenze anglosassoni e tradizione rock alternative italiana. Come? Con una dozzina di canzoni che arrivano dritte al cuore, all'anima e alle budella dell'ascoltatore

Colya

54 e Non Sentirli

(Cd, Music Valley Records)

rock

________________

colya-54-e-non-sentirliI Colya sono fuori dal tempo. Non musicalmente parlando, seppure il loro 54 e Non Sentirli affonda le radici nei primi anni ’90. Ma invece per una idea di band e di comunità di musicisti che sembrava passata direttamente nel dimenticatoio.

I Colya, infatti, sono in primo luogo una Band, che (con)vive in un casale dell’appenino tosco-emiliano, una specie di “comune” che ospita amici, artisti e musicisti per un continuo scambio/flusso di idee, musicali e non solo.

Ma veniamo alle canzoni. I Colya suonano un rock diretto, senza troppi fronzoli ma non per questo perdendo il gusto degli arrangiamenti, anzi.

Il loro tentativo, riuscito, è quello di mettere insieme la “tradizione” rock alternative italiana (Afterhours, Marlene Kuntz) col grunge dei primi anni ’90 e con due delle band anglosassoni più amate da noi, Muse e Placebo.

Nonostante le righe sopra suonino un po’ come una specie di doppio salto mortale carpiato, il risultato è esaltante. Seppure i Colya non riescono a farci completamente dimenticare i loro punti di riferimento, arrivano però dritti al cuore, all’anima e alle budella dell’ascoltatore con una dozzina di canzoni ben scritte e ben suonate, in grado di soddisfare sia chi sta più attento ai testi, sia chi invece preferisce perdersi negli assalti sonori e nelle cavalcate rock.

Naturali, ruvidi, mai troppo cattivi, intelligenti e preparati: i Colya non sono dei geni, ma una band robusta che sa come fare un buon disco rock. Mica poco. O no?

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
Massimo Garofalo
Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock.
Parola d'ordine: curiosità.
Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)

Articoli: 777