Blonde Redhead: 3 O’ Clock

Condivi sui social network:

Blonde Redhead

3 O’ Clock

(Ponderosa)

indie

________________

 

blonde redhead 3 o' clock25 anni, non sentirli e continuare ad innovarsi: è la parabola dei Blonde Redhead, combo che non ha certo bisogno di presentazioni ai lettori di RockShock.

Dopo le dissonanze noise degli esordi, la svolta dreamy e il passaggio all’elettronica, 3 O’ Clock segna il passaggio a una nuova fase dei Blonde Redhead, proprio come le 3 sono l’ora in cui comunemente si passa al pomeriggio, o la notte comincia a lasciare spazio all’ormai imminente alba, o – meglio ancora – in Giappone si prende il tè.

La scorsa estate li avevamo visti in azione con la riproposta di Misery is a Butterfly con tanto di quartetto d’archi. E c’era già chi sentiva puzza di bruciato, di stantio e di avvicinarsi alla fine dell’estro di una delle band più creative degli ultimi 5 lustri.

E invece…

E invece i Blonde Redhead con 3 O’ Clock lasciano sì definitivamente nel cassetto il noise degli esordi, ma prendono tutto il resto per (con)fonderlo in una nuova avventura sonora. Le 4 tracce dell’EP, infatti, uniscono in maniera organica elettronica e archi, atmosfere sognanti e magia compositiva.

Il microfono è equamente diviso tra Kazu Marino (i due brani d’apertura) e Amedeo Pace, con performance vocali che vanno dal memorabile per la prima all’ordinario per il secondo.

3 O’ Clock ha solo un difetto: finisce troppo presto, termina dopo 20 minuti, giusto quanto ci serve per entrare in uno stato REM che viene invece bruscamente interrotto dall’assenza di musica. Se questo è il futuro prossimo dei Blonde Redhead… non possiamo che stare tranquilli, la creatività del terzetto è ancora viva e vegeta. E ad altissimi livelli.

 

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:
,

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →