Ramones, un volume per fare il punto della discografia

Condivi sui social network:

Andrea Ian Galli

Ramones

(Libro, Editori Riuniti, collana Legends, 2003, euro 9,50)

_______________

Da Forest Hills, sobborgo middle-class di New York, ai palchi di tutto il mondo. I Ramones sono una delle band più importanti del rock’n’roll post Beatles.

Per gli amanti delle definizioni, dei generi e dei filoni, i Ramones sono a pieno titolo la prima band punk rock, nonostante ci siano state band prima di loro ad aver schiacciato l’accelleratore sugli aspetti più violenti della musica. La band newyorkese invece ha creato un vero e proprio codice, scoprendo i nervi essenziali del rock’n’roll ed infettandoli di irruenza punk, melodie orecchiabili e testi ironici.

Il volume di Andrea Ian Galli, che va ad arricchire la collana Legends, ripercorre la storia della band, dalla formazione alla tragica fine del suo fondatore, Joey Ramone, morto a 49 annni, il 15 aprile del 2001, per un linfoma. In mezzo ci sono centinaia di canzoni, una storia tumultuosa di abbandoni e reunion, di concerti al fulmicotone, di eccessi di ogni tipo, di album memorabili e di dischi-fotocopia. Insomma, la classica parabola di band “rock” nell’anima e nello stile di vita, fatta non solo di tatuaggi e mossette, ma di autentico spirito libero e selvaggio.

128 pagine per mettere ordine nella sterminata discografia ufficiale e non ufficiale, nelle collaborazioni, libere uscite, VHS, DVD e per tentare di individuare gli eredi dei Ramones.

L’agile volume di Galli non si ferma alla classica raccolta di dichiarazioni (pur presente), ma cerca di tracciare un percorso ragionato all’inteno dell’enorme produzione della band commentando ogni album, presentando ogni canzone, individuandone il potere innovativo e/o il valore all’interno della produzione dei Ramones, prima che dandogli un posto nella Hall of Fame del rock’n’roll.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Condivi sui social network:

About Massimo Garofalo

Critico cinematografico, sul finire degli anni '90 sono passato a scrivere di musica su mensili di hi-fi, prima di fondare una webzine (defunta) dedicata al post-rock e all'isolazionismo. Ex caporedattore musica e spettacoli di Caltanet.it (parte web di Messaggero, Mattino e Leggo), ex collaboratore di Leggo, il 4 ottobre 2002 ho presentato al cyberspazio RockShock. Parola d'ordine: curiosità. Musica preferita: dal vivo, ben suonata e ad altissimo volume (anche un buon lightshow non guasta)
View all posts by Massimo Garofalo →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.