Marco Notari: Io Non Mi Riconosco Nel Mio Stato

Condivi sui social network:

Marco Notari

Io Non Mi Riconosco Nel Mio Stato

(Ep, Artes/EMI, 2008)

pop, rock

_________________

Marco Notari è un cantautore emergente ma non sconosciuto, basti pensare che nel 2006 ha vinto il premio come Miglior artista indie dell’anno, per il suo primo album Oltre lo specchio.

Io Non Mi Riconosco Nel Mio Stato è un Ep di 4 brani che precede l’imminente uscita del suo secondo album Babele. L’Ep contiene 2 brani inediti, una versione live di un brano già pubblicato nel cd precedente, e una cover di Fabrizio De André.
Ma andiamo con ordine.

La title track Io non mi riconosco nel mio stato è un brano molto interessante per il tema trattato, per la grinta, per il sound rock un po’ vintage, e per un ritornello che ti ritrovi a canticchiare dopo pochi ascolti. Purtroppo non ho particolarmente apprezzato proprio l’interpretazione vocale di Marco. Classica voce punk-rock molto promettente, ma diseducata e a volte piatta. Non escludo che a tanti piacerà, ma io devo scrivere a proposito di quello che penso io e non di quello che potrebbero pensare altri.

Lo stesso discorso vale per La mia vita è un investimento sicuro. Scelta del tema azzeccata, soprattutto nel periodo che siamo vivendo. Stessa grinta, ma con più rabbia. Anche qui l’arrangiamento ha un forte impatto, e anche in questo brano sorprende la facilità del ritornello di rimanere per ore nelle orecchie. Purtroppo… stessi dubbi sulla voce.

La cover di De André Hotel Supramonte in questa nuova veste di ballata rock può acquistare la simpatia anche di chi non aveva conosciuto o apprezzato la versione originale.

Speciale, come già anticipato, è una bella versione live (tratta dal tour con i Madam) del brano già contenuto in Oltre lo specchio.
Ascoltarla dopo Io mi riconosco nel mio stato e La mia vita è un investimento sicuro rende evidente la crescita di questo autore dopo il primo album sia nella scrittura, sia nella ricerca del proprio sound.

Gli ultimi articoli di Andrea Allocca

Condivi sui social network:
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.