Luis Mojica: la recensione di How a stranger is made

Amore, spiritualità e sciamanesimo, un piano e una voce ipnotica capace di mille sfumature. Luis Mojica ci invita a estraniarci dalla realtà.
Condivi sui social network:

Luis Mojica

How a stranger is made

alternative pop

_____________________

Luis Mojica- la recensione di How a stranger is madeLuis Mojica è un artista newyorchese eclettico e singolare, che affonda le radici in un cantautorato intimo che spazia da Bjork a Kate Bush, passando per Tori Amos ed Ani DiFranco. Le sue sonorità e la sua voce lasciano un’impronta tangibile sin dal primo ascolto. A quattro anni dall’album d’esordio, ci regala How a stranger is made, 11 tracce (tutte originali, tranne una cover di Leonard Cohen) intime ed empatiche guidate dal piano e impreziosite da un ricco intreccio di seconde voci.

How a stranger is made è l’espressione di un viaggio molto privato, di un processo di guarigione capace di trasformare il dolore in libertà. E ogni traccia è impregnata di questo misticismo, così come di sessualità, tradimento, amore, spiritualità e sciamanesimo in particolare. È una sorta di aurea che permea la voce, regalandole una luminosità e una comunicatività uniche.

Una struttura compositiva semplice, incentrata sul piano, ma comunque molto ricercata, che mixa strumenti come il flauto e le percussioni, il sassofono e il violino. I controcanti si direbbero opera di un’altra persona, tanto Luis è in grado di regalare al suo timbro e alla sua interpretazione sfumature diverse.

Pur sembrando molto diretta e viscerale, la musica di Mojica è pervasa da un senso estetico raffinato, una gioia concreta che viene da un percorso molto privato e vulnerabile. In tutto questo, la voce diventa un vero e proprio strumento, giocando con gli stili più diversi, dall’opera al beatbox. Invitandoci a fuggire, per un attimo, dalla realtà.

Ascolta How a Stranger is Made di Luis Mojica: https://luismojica.bandcamp.com/album/how-a-stranger-is-made


Gli ultimi articoli di Simona Fusetta

Condivi sui social network:
Default image
Simona Fusetta