Dieci: la recensione di Vitamine

Dieci esordisce con Vitamine e finalmente troviamo un autore che con semplicità e naturalezza sposta di qualche metro il territorio dell'It-Pop, da qualche tempo un po' insipido.
Condivi sui social network:

Dieci

Vitamine

(42 Records)

pop

_______________

 

dieci-recensione-vitamineRoberto Grosso è il vero nome di Dieci e il suo esordio Vitamine è stata una piacevole sorpresa, ma procediamo con ordine.

Appena ho cominciato ad ascoltare quest’album la cosa che mi ha colpito al primo istante, è l’utilizzo del pianoforte e il modo di cantare che, a primo ascolto, ricalcava un po’ quello che si sente in giro e che fa parte del calderone dell’it-pop. Ma mi sono dovuto ricredere.

Coperta è un brano che ascolto dopo ascolto colpisce per la sua estrema semplicità e per la sua capacità di celare, invece, una grande profondità nel testo. A tratti sembra di ascoltare un giovane Paolo Conte e pare che l’artista piemontese abbia fatto tesoro delle fantasie linguistiche dell’avvocato ligure.

L’album però è pieno di riferimenti musicali e di generi completamente diversi tra di loro. Dieci compone brani, dove il funk, la disco, il french touch, reggaeton, electro-pop e il cantautorato più classico trovano spazio in un lavoro eclettico, ma non per questo noioso e confusionario, anzi la diversità di ogni brano sembra fatta apposta per sorprendere e stupire nel senso buono del termine e scusate l’insistenza, ma anche Paolo Conte amava mescolare generi, amandoli e tradendoli di continuo.

Dieci non è certo un esordiente alle prime armi, già membro dei Drink To Me, si è fatto le ossa come musicista live negli ultimi tour di Cosmo e quando decide che è giunta l’ora di esordire lo fa un lavoro lo-fi e molto home made. La sua intuizione è quella di spostare il cantautorato classico verso lidi più intimi e arricchendoli di surrealismo e indolenza, nei suoi testi si parla di amore (ma non quello sdolcinato), di insegne della Coop, dell’orto dello zio e lo fa con una semplicità disarmante che lo rende credibilissimo agli ascoltatori.

A questo punto perché Vitamine?

L’autore dichiara che: «le vitamine sono molto piccole, e ne servono molto poche ma sono indispensabili, e queste dieci canzoni per me sono così». Con queste parole, Dieci fa una vera e propria dichiarazione d’intenti, dove ci fa capire che questo album da tempo era dentro di lui e che ha deciso di tirarlo fuori nel momento più giusto della sua carriera.

Dieci è sicuramente uno degli artisti più interessanti degli ultimi tempi, quello che mi auguro è che la sua semplicità non venga smarrita, perché purtroppo nella nostra vita abbiamo dovuto vedere artisti lo-fi e interessanti che si sono venduti a poco prezzo per una visibilità più grande.

Gli ultimi articoli di Michele Larotonda

Condivi sui social network:
Default image
Michele Larotonda
Michele Larotonda nasce a Potenza nel 1977, ma vive e lavora a Milano. Scopre la sua passione per la scrittura durante i dieci anni trascorsi a suonare in una band in cui ricopre il ruolo di cantante e autore dei testi. Decisivo poi l’incontro con l’associazione culturale Magnolia Italia, grazie alla quale frequenta corsi di scrittura creativa e si avvicina al cinema scrivendo e realizzando cortometraggi che hanno avuto visibilità in alcune rassegne specializzate. Scrive sulla rivista letteraria Inkroci, occupandosi di recensioni musicali, e sul blog letterario Sul Romanzo, dove recensisce libri. Ha pubblicato i libri “Sai Cosa Voglio Dire?” e “Il fascino discreto della Basilicata”. “Il Sognoscuro” è il suo primo romanzo.
Articles: 34