Dan Sartain: Lives

Nuova uscita per Dan Sartain: Lives è un condensato di rock, blues e folk che rievoca le radici della musica sudista americana

Dan Sartain

Lives

(Cd, One Little Indian Records)

rock, blues, folk, country

_______________

Dan Sartain sembra uscito direttamente dalla scena rockabilly degli anni 50: magrolino, capelli brillantinati e immancabile chitarra in mano. Il cantautore statunitense arriva da Birmingham, Alabama e debutta nel 2001 autoproducendo i suoi primi due album Crimson Guard e Romance In Stereo.

Nel 2005 approda alla californiana Swami Records dando alla luce altri due dischi che stavolta raggiungono il grande pubblico e lo conquistano, Dan Sartain vs. The Serpientes e Join Dan Sartain. Dopo aver ottenuto un discreto successo (soprattutto in UK) viene chiamato a suonare come opening act per The Hives e White Stripes e in quest’occasione nasce l’amicizia con Jack White, che produce per la sua Third Man Records il singolo Bohemian Grove, una delle tredici tracce che compongono il suo ultimo album Lives.

Le canzoni relativamente brevi (non superano i tre minuti) sono un condensato di rock, blues e folk con qualche spruzzata di garage qua e là. L’atmosfera rievoca chiaramente le radici della musica sudista americana, tanto che è facile iniziare a viaggiare con la mente immaginando di attraversare il deserto a cavallo piuttosto che percorrere una highway a bordo di una cadillac eldorado.

Con il susseguirsi dei brani però, nonostante il ritmo incalzante e qualche piacevole assolo di chitarra, il sound generale si percepisce sempre più vago e incerto, la musica risulta scarna e l’intero disco suona come una cantilena.

Sostanzialmente Dan Sartain con quest’ultima uscita non propone nulla di nuovo e innovativo, la maggior parte dei pezzi di Lives sfuma nella monotonia e ripetitività. Non è un disco da buttare, se ci si accontenta.

http://www.myspace.com/dansartain

Gli ultimi articoli di Antonietta Frezza

Condivi sui social network:
Default image
Antonietta Frezza

"Without music life would be a mistake." - Friedrich Nietzsche

http://antofrezza.wordpress.com/

Articles: 40