RockShock

Miro Renzaglia: Fabrizio De Andrè

Massimo Garofalo 20 dicembre 2016 Recensioni Libri
Copertina De André - Circolo Proudhon

Miro Renzaglia

Fabrizio De Andrè

(Circolo Proudhon)

pp. 140, € 13,00

________________

Copertina De André - Circolo ProudhonFa parte della collana Maledetti Poeti il volume Fabrizio De Andrè, di Miro Renzaglia.

L’idea di base è la conoscenza e l’approfondimento dell’opera del cantautore genovese attraverso l’analisi dei suoi pre-testi, ovvero le sue fonti, le ascendenze di gusto e di stile.

Dai Vangeli Apocrifi a Jacopone da Todi, da Aristofane a Olindo Guerrini, Renzaglia ha compiuto un lavoro certosino, appassionato e appassionante per andare alla radice della poetica di De Andrè.

Il volume, meno di 150 pagine, è allo stesso tempo esaustivo e anti-celebrativo; nel senso, che non si tratta dell’ennesima esaltazione delle qualità – indiscusse – di De Andrè, ma di un lavoro di studio dell’humus culturale e letterario su cui s’è poggiata la sua poetica, un’analisi quasi scevra da giudizi di valore.

Direttore del magazine Il Fondo, Miro Renzaglia ha fatto un lavoro pregevole e degno di attenzione sia ai fan di Fabrizio De Andrè e sia a chiunque voglia seriamente studiare/capire i travasi culturali tra letteratura e musica. Perché, a dispetto di quanto cantava Bennato, non sono solo canzonette.

Gli ultimi articoli di Massimo Garofalo

Miro Renzaglia: Fabrizio De Andrè il 20 dicembre 2016 votato 4.0su 5
Condivi sui social network: