Virgin Noise: EP

Condivi sui social network:

Virgin Noise

Virgin Noise EP

(CD, Autoproduzione)

alternative, indie rock, shoegaze

________________

Virgin Noise- EPPrendete il suono di Verdena, Afterhours, Marlene Kuntz e metteteci la grinta, la cattiveria e l’emozione di Skunk Anansie e Cranberries: la voce di Chiara Scarnicchia e la sua band incarnano tutto questo, un concentrato di noise rock con pesanti influenze grunge anni’90. I Virgin Noise, dalla provincia di Latina, erano un tempo i Waltersoup, un trio combat-rock, poi sono progressivamente maturati da un suono grunge-garage da poeti maledetti a un rock alternativo. In questo Virgin Noise EP, omonimo e autoprodotto, oltre alla voce molto particolare, spiccano gli arrangiamenti, molto buoni; l’unica pecca è senza dubbio la scarsa qualità della registrazione.

La Risposta apre il Virgin Noise EP, un brano che produce un ottimo impatto, già dal primo ascolto; tuttavia, discutibile la scelta di accostare parti del testo in italiano e in inglese, per una melodia ancora troppo lineare, che manca del quid che la renderebbe speciale. Nella traccia Mina emerge prepotentemente l’influenza dei Verdena (a partire dal titolo, che compariva già nell’album Il Suicidio Del Samurai del trio bergamasco) soprattutto nelle chitarre e nell’assolo, che spicca. Sicuramente la traccia più psichedelica è Luce Nera, con preziosi arpeggi, intimi e introspettivi che esplodono in un ritornello apprezzabile e un bridge energico. Quasi un ritorno al grunge (genere che appartiene al passato della band) nei riff di Studi Di Idee, anche se non particolarmente originali. Dulcis in fundo, Il Sogno Alla Fine: è irresistibile, chitarre noise abbracciano accompagnamenti più limpidi e proprio dalla loro complementarietà nasce un ritornello accattivante.

Istinto, passione e varietà nella composizione, energia ed esplosività nell’esecuzione fanno dei Virgin Noise una band che non si accontenta di rimanere una realtà provinciale, ma che vuole lasciare il segno nel panorama italiano. La strada è ancora molto lunga, ma i presupposti fanno ben sperare.


Gli ultimi articoli di Marco Buccino

Condivi sui social network:
, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.